Jay Clark è un uomo di 37 anni, che nel breve tempo di un paio di anni ha conosciuto il meglio ed il peggio che la vita, a volte davvero beffarda, possa regalare ad un uomo. Jay era affetto da un cancro al pancreas, purtroppo incurabile, che gli è stato diagnosticato poco dopo aver ricevuto la notizia più bella che la vita possa offrire, l’arrivo di suo figlio. Questa notizia, che può sembrare più che normale, per lui e sua moglie sembrava essere un dono divino, visto che i due avevano grandi problemi in fase di concepimento, e riuscire a dare alla luce un figlio sembrava qualcosa di praticamente impossibile. Purtroppo dopo poco tempo il sogno si e trasformato in un incubo, quando il sopraggiungere della malattia, ed il proseguo dove si è capito che non sarebbe stato possibile intervenire in nessun modo, hanno rischiato di scalfire questa grande gioia. Sin dai primi momenti Jay aveva un solo obiettivo, riuscire a stringere tra le sue braccia suo figlio, prima di salutarlo per sempre. Un obiettivo che gli ha dato la forza per andare avanti, nonostante il suo corpo, giorno dopo giorno, iniziasse a dare sempre più segni di cedimento.

Come racconta la moglie Caroline: “Il suo corpo era sfinito, ma non poteva andarsene così. Desiderava fortemente quell’ultimo caldo abbraccio del suo bimbo. È come se aspettasse da noi il permesso per morire, sapendo che comunque noi ce la saremmo cavata alla fine. Gli ho detto che sarebbe sempre stato nelle nostre vite e che nostro figlio Maxie avrebbe saputo quanto era fantastico suo padre”. Jay si è poi spento, ma non senza riuscire a realizzare il suo sogno.