La signora Margherita si è commossa nella sua intervista a ‘Mattino Cinque’ raccontato tutte le fasi della malattia della figlia Nadia Toffa

Nadia Toffa malattia madre

Nadia Toffa

È stata commovente l’intervento della signora Margherita al programma condotto da Federica Panicucci. A ‘Mattino Cinque‘ la signora Margherita ha raccontato fin dall’inizio tutto il percorso della malattia della figlia Nadia Toffa, morta lo scorso 13 agosto. Tutto è iniziato con lo svenimento dell’inviata de ‘Le Iene‘ a Trieste, il 2 dicembre 2017. La madre ha raccontato come in un primo momento avesse pensato ad un aneurisma, come avvenuto in passato al padre. In realtà però i medici hanno compreso immediatamente la gravità della patologia vedendo il referto della risonanza magnetica. Infatti appena tre giorni dopo l’hanno sottoposta ad un intervento chirurgico, il primo dei cinque ha subito. Nadia fin da subito ha saputo cosa aveva ed ha anche dovuto superare una meningite.

LEGGI ANCHE —> Mara Venier parla di Nadia Toffa ed abbandona lo studio in lacrime

LEGGI ANCHE —> Nadia Toffa: preso d’assalto il cimitero di Brescia – La tomba non c’è

Nadia Toffa, la madre ha rivelato anche della bugia raccontata alla figlia

La madre ha quindi raccontato della bugia che ha confessato alla figlia per farla ricoverare in una clinica nei suoi ultimi giorni di vita. La signora Margherita ha infatti raccontato di aver detto a Nadia della sua necessità di farsi curare e di come anche lei avrebbe dovuto seguirla per quindici giorni, poi diventati un mese e mezzo. La madre ha quindi spiegato di non aver lasciato mai la figlia giorno e notte. Inoltre la donna ha confidato della preoccupazione di Nadia per il futuro di madre e padre, vista l’innaturalità di perdere un figlio o una figlia. Ora però – ha spiegato la signora Margherita – continuerebbe ad avere energia per vivere ancora proprio grazie alla figlia, che sentirebbe tantissimo. Tutti gli ultimi pensieri di Nadia Toffa sono stati raccolti dalla madre nel libro ‘Non fate i bravi’, i cui proventi saranno interamente destinato alla ricerca e alla cura delle malattie oncologiche.