Ansia, ansia, ansia. L’ansia accompagna ogni giorno sempre più persone, al punto che è diventato anche un espediente comico. Quante battute, memes e altre simpatiche esternazioni degli internauti hanno come protagonista l’ansia, quante volte questa parola è anche abusata. E invece l’ansia può essere anche qualcosa di estremamente serio, uno stato d’animo che per alcune persone può essere anche un grave problema patologico. Una ragazza, Brittany Morefield, ha postato su Facebook un video nel quale spiega cosa significa davvero combattere contro l’ansia, con un post che è diventato viralissimo.

“L’ansia è svegliarsi alle 3 di notte mentre si dorme profondamente, perché il tuo cuore batte all’impazzata. L’ansia è stressarsi per cose che potrebbero non accadere mai. È farsi domande sulla propria fede, sul perché il Creatore permette che mi senta in questo modo. L’ansia è chiamare tua sorella 3 ore prima che si svegli per andare al lavoro, nella speranza che ti risponda e permetta alla tua mente di non rimanere sotto attacco. L’ansia è il tuo umore che cambia radicalmente nel giro di pochi minuti. L’ansia è piangere, è avere la nausea, è rimanere paralizzata. L’ansia è oscura. È dover inventare scuse su scuse per il tuo comportamento. L’ansia è paura, è preoccupazione”.

Nel post, che la ritrae nella vasca da bagno mentre cerca di calmarsi da un attacco d’ansia, c’è l’enorme problema di una ragazza di 23 anni che ha trovato il sostegno di migliaia di persone in rete. I social a volte servono anche a questo, e siamo sicuri che per questa ragazza Facebook è stato di grande aiuto.