consigli utili

Consigli utili, ecco i migliori direttamente dai nostri bisnonni

L’umanità ha raggiunto un livello tecnologico e di conoscenze generali senza eguali. Probabilmente sarà difficile fare meglio di così nel corso della storia dell’uomo. Ma va detto che anche tempo addietro i nostri antenati sapevano il fatto loro. Infatti non mancano trucchi e consigli direttamente dai secoli scorsi per risolvere alcuni inconvenienti antipatici.

In particolare vi riportiamo una serie di gabole provenienti direttamente dall’anno del Signore 1910, per trarvi d’impaccio in svariate situazioni. Sono tutti tratti dalle cartoline prodotte dalla società Gallaher Ltd. Tobacco Company, che per farsi pubblicità decise in quell’anno di riportare anche dei pratici consigli per pratiche giornaliere comuni a tanti.

Ad esempio, sapevate che per ravvivare i fiori recisi è sufficiente metterli nell’acqua calda? E per pulire come si deve una bottiglia al suo interno la miglior cosa da fare è riporre al suo interno acqua mista a sabbia e scuotere con forza. Per togliere le macchie di inchiostro da vestiti ed altri indumenti si devono lasciare gli stessi a mollo nel latte per qualche ora, poi sarà sufficiente risciacquare.

Stanchi di trovare chiazze di umidità nel letto? Mettete uno specchio nelle lenzuola, se sarà appannato avete la prova che effettivamente è così. Poi, come fare per bollire le uova con il guscio lesionato? Facile, bisogna aggiungere dell’aceto all’acqua per la cottura.

E come fare per riconoscere se il burro è di buona qualità? Date fuoco ad un pò di carta con su un pezzetto dello stesso, e se sentirete un buon profumo delicato avrete la controprova che quel burro sarà eccellente. Per togliere una scheggia, mettete la parte con la stessa conficcata in un bicchiere di acqua calda e premerci contro.

Avete preso una storta? Rivestite il piede con una garza intrisa di acqua fredda ed olio d’oliva, starete meglio. Vi sarà capitato di vedere due bicchieri di vetro incastrati tra loro. Per ‘liberarli’ bagnatene uno con acqua fredda ed un altro con acqua calda. Dovete accendere un fiammifero ma c’è vento? Praticate dei piccoli taglietti sullo stesso e ce la farete.

Ed invece, che occorre fare per asciugare le patate bollite? Il consiglio risalente ad oltre un secolo fa è quello di mettere sale e zucchero durante la bollitura, poi scolarle dall’acqua, rimetterle di nuovo sulla fiamma e scuoterle. Sapete tagliare alla perfezione il pane fresco? Per farcela dovreste usare un coltello immerso in acqua bollente per una quindicina di secondi.

Il vademecum dei consigli non si esaurisce qui: per tenere in equilibrio dei vasi, specialmente quelli dalla base piccola, riempiteli di sabbia fino a metà. Infine, per scoprire se un uovo fresco è buono, mettetelo in un bicchiere con acqua salata. Se affonda, vorrà dire che è estremamente fresco.