Finalmente potremmo presto non rischiare più di soffrire di artrite reumatoide. Una malattia dolorosissima e molto pericolosa, che porta atroci sofferenze fino alla morte, come accaduto di recente all’indimenticata Anna Marchesini. La scoperta arriva nientemeno che da un team di ricercatori italiani, che in collaborazione con un altro team di ricercatori di base in Scozia hanno individuato una molecola che potrebbe essere utile per arrestare l’artrite reumatoide. La molecola si chiama MiR34a e – secondo quanto riporta ‘FanPace – sarebbe l’elemento che blocca l’evolversi della patologia autoimmune. Mir34a è responsabile dell’attivazione delle cellule dendritiche, a loro volta coinvolte nella risposta anomala del sistema immunitario che scatena la patologia.

Le ricerche sono state effettuate sui topi, e hanno portato risultati molto incoraggianti. Sopprimendo questa molecola, infatti, i ratti riuscivano a sviluppare una resistenza a oltranza all’artrite reumatoide. Adesso, attraverso alcuni farmaci mirati, si proverà a fare lo stesso anche sugli esseri umani, con la speranza che dia gli stessi risultati. “Attraverso questa scoperta sarà possibile ristabilire l’equilibrio immulogico e promuovere la risoluzione dell’artrite”, ha sottolineato con ottimismo il professor Ferraccioli, dell’equipe che ha effettuato questa scoperta.