Nel 2007 un collezionista cinese venne in possesso di un libro davvero unico. Si intitolava a A Life in Portraits, e conteneva le foto di Ye Jinglu, un uomo nato nella città di Fuzhou nel 1881. Cominciò a farsi fare un ritratto nel 1907 all’età di 27 anni e continuò così per 61 anni. Fino al 1968, anno della sua morte si fece fotografare ogni anno. Rimase a Fuzhou per tutta la sua vita con sua moglie lavorando come gestore di un negozio.

Questa serie di foto, oltre a essere interessanti da guardare per il cambio del suo aspetto fisico, raccontano anche la storia della Cina. Passata dalla dinastia dei Qing a repubblica nel 1912, e successivamente uno stato comunista con Mao.

1907

La prima fotografia. Ye Jinglu è vestito con gli abiti tipici e ha i capelli legati con la coda, acconciatura richiesta al tempo agli uomini per provare la loro fedeltà all’impero. Quando cadde limpero Ye se li tagliò.

1909

L’unica foto di Ye in abiti occidentali. Fece un viaggio a Londra e forse questa foto è stata scattata la.

1912

L’anno della caduta della dinastia Qing.

1916

1924

Ye con una gicca corta chiamata magua, di moda in quel periodo.

1925

1932

Un po’ ingrassato e con gli occhiali.

1935

1941

I primi occhiali bifocali dell’epoca indossati da Ye.

1949

Questa foto potrebbe essere ispirata da una foto simile di Mao seduto a leggere il giornale.

1950

Ye con il tipico “cappello di Lenin”.

1955

1959

1964

1968

L’ultimo ritratto di Ye. Morì alla fine del 1968 ad 89 anni vedendo incredibili cambiamenti nel suo paese.

Il libro contiene tutte le 61 fotografie e si può apprezzare ancora meglio il cambiamento fisico e quello sociale.