E’ stato condannato a 12 anni di reclusione un 66enne di Caserta riconosciuto colpevole di aver abusato sessualmente di due bambine, di 8 e 9 anni

Caserta, 12 anni di reclusione per un 66enne che abusava di due bambine

Ha abusato di due bambine, di 8 e 9 anni, che si recavano nella sua abitazione per essere assistite nello svolgimento dei compiti: ieri sera per l’orco, 66 anni, sociologo di professione e residente nell’Alto Casertano, è arrivata la condanna del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, popoloso comune in provincia di Caserta. Infatti, il collegio giudicante, presieduto dalla dr.ssa Loredana Di Girolamo, ha condannato l’uomo a 12 anni di reclusione riconoscendolo colpevole di aver abusato sessualmente delle due bambine, per le violenze consumatesi nel suo domicilio tra il 2015 e il 2018, infliggendogli una condanna più pesante rispetto alla richiesta, 8 anni, avanzata dalla Procura della Repubblica di Caserta.

LEGGI ANCHE –> Milano, abusi sessuali su una neonata: arrestato il nonno

Caserta, abusa sessualmente di due bambine: condannato a 12 anni. Napoli, condanna definitiva per il fisioterapista che

Non è l’unica storia horror che vede come protagonista un professionista che, in spregio della deontologia professionale, oltre che della legge e della morale, approfitta del proprio ruolo e della fiducia di chi vi si affida per ricevere un aiuto per  perpetrare abusi sessuali. Il 3 febbraio scorso, infatti, per un fisioterapista napoletano è arrivata la condanna definitiva per aver abusato di tre bambini autistici visto che la Suprema Corte di Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato dal professionista. L’uomo, quindi, che all’epoca dei fatti esercitava presso una nota struttura sanitaria napoletana, che in questa squallida vicenda è parte lesa, dovrà scontare i 6 anni di reclusione in carcere irrogatigli in Appello.

LEGGI ANCHE –> Chiara Ferragni le confessioni sugli abusi: “E’ da questa notte che piango”

Il fisioterapista è stato arrestato nell’agosto del 2018 al termine delle indagini coordinate dalla sezione “Fasce deboli” della Procura della Repubblica di Napoli.