Ha confessato l’uxoricidio il marito di Piera Napoli, la cantante neomelodica rinvenuta senza vita nel bagno di casa

Palermo, ha confessato il marito della cantante neomelodica uccisa in casa
Piera Napoli

Un’altra donna uccisa in casa. Questa volta l’omicidio è avvenuto a Palermo. Il corpo di Piera Napoli, 32enne e di professione cantante neomelodica, è stato rinvenuto con ferite da arma da taglio nel bagno di casa. Il marito, Salvatore Baglione, 37enne, ha confessato l’uxoricidio costituendosi ai carabinieri. In casa i militari dell’Arma hanno sequestrato un grosso coltello da cucina, forse l’arma del delitto. La coppia ha tre figli. Baglione è stato fermato per omicidio aggravato. Prima del delitto Baglione ha pubblicato un inquietante post: sullo sfondo di una foto di Robert De Niro l’aforisma “il rispetto gran bella cosa, peccato che non tutti ne conoscano il significato“. Post premonitore, invece, quello della vittima: “Se vuoi che ti regalino dei fiori il 14 (San Valentino) muori il 13“.

LEGGI ANCHE –> Bambino avvelenato dalla matrigna: trovato in un bidone nel seminterrato

Palermo, uccisa cantante neomelodica: il marito ha confessato. Il padre della vittima: “Restava in quella casa per i figli”

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, Baglione ha ucciso la moglie, al culmine di una lite scoppiata per motivi di gelosia, colpendola più volte con un coltello. Un rapporto segnato da volenze e liti e perciò incrinatosi da tempo come ha spiegato il padre della vittima: “Mia figlia restava ancora in quella casa per i bambini“.

LEGGI ANCHE –> Assolto al portavalori: i rapinatori sparano colpi di kalashnikov

Piera Napoli era molto conosciuta nel quartiere dove viveva per la sua attività di cantante neomelodica. “Era una ragazza semplice e solare. Una persona veramente per bene. Sono distrutto. In genere cantava canzoni d’amore neomelodiche di cui curavo gli arrangiamenti. Lei portava i testi e io mettevo la musica. Brani che possiamo definire puliti, senza esaltazione della malavita. Si distingueva da tante persone legate a questo mondo. Non mi sarei mai aspettato da suo marito un gesto del genere“, il commosso ricordo di Piero Sala, discografico e proprietario della Air Music, lo studio di registrazione dove Piera Napoli ha lavorato negli ultimi 5 anni.