L’Iss potrebbe cambiare il colore di alcune Regioni d’Italia: vediamo cosa potrebbe contenere il nuovo monitoraggio settimanale sui casi Covid

Covid Italia Iss Regioni colore
Roberto Speranza (Getty Images)

Nella giornata di venerdì 5 febbraio, potrebbe arrivare il monitoraggio settimanale dell’Iss sulla situazione epidemiologica in Italia. Un atto, su cui potrebbero basarsi i prossimi provvedimenti sulle fasce delle Regioni, relativo al quadro del contagio. Dunque durante questo weekend il nostro Paese suddiviso in tre zone, anzi quattro, visto che è stata inserita anche la fascia bianca, potrebbe ancora una volta essere modificato.

Per ora le Regioni italiane si trovano in zona gialla, tranne Sardegna, Sicilia, Puglia, Umbria e Provincia autonoma di Bolzano che sono state messe in fascia arancione. Si dovranno attendere le scelte da parte del ministro della Salute uscente, Roberto Speranza, per conoscere le Regioni che dovranno inserire disposizioni per contenere l’emergenza contagi da Covid e quelle che invece potranno introdurre provvedimenti meno restrittivi.

LEGGI ANCHE —> Governo Draghi, cosa succederà, con il dpcm ormai prossimo alla scadenza?

LEGGI ANCHE —> Dpcm Covid, le restrizioni in vigore fino al 15 febbraio e al 5 marzo

Covid Italia: Molise, Trento, Friuli e Abruzzo cambieranno colore?

Covid Italia Iss Regioni colore
Roberto Speranza (Getty Images)

Sulla base dei dati recenti, sembra sicuro che non ci saranno Regioni in fascia bianca per via dell’eccessivo numero di contagi. Puglia e Sardegna invece potrebbero passare dalla fascia arancione a quella gialla. Probabile che la Sicilia e l’Umbria siano confermate in zona arancione. Quest’ultima potrebbe addirittura finire in fascia rossa. Infatti il suo Rt si aggira intorno all’1 e risulta in peggioramento il rapporto tra positivi e test effettuati.

Nuove restrizioni non dovrebbero essere previste le Regioni in fascia gialla, vale a dire per Emilia Romagna, Marche, Veneto, Val d’Aosta, Lombardia, Piemonte, Lazio, Campania, Liguria, Toscana e Calabria. A rischio invece il Molise, che registrerebbe l’Rt superiore all’1, nonché Trento, il Friuli Venezia Giulia e l’Abruzzo.