Anche il prossimo weekend farà ritorno il cosiddetto “Modello Roma” anti assembramenti nella Capitale: scopriamo i provvedimenti previsti

Modello Roma anti assembramenti weekend
(foto dal web)

Nel prossimo fine settimana sarà riprodotto il “modello Roma” anti assembramenti e saranno riproposti i varchi già previsti lo scorso dicembre, nel corso del periodo pre natalizio. Questi varchi di accesso saranno presenti in Piazza di Spagna, via del Corso Largo Goldoni, Largo Chigi, via Cola di Rienzo, via Ottaviano, viale Giulio Cesare e via Candia.

A piazza del Popolo saranno presenti dei corridoi per permettere alle persone di entrare ed uscire, con lo scopo di consentire più semplicemente il passaggio dei pedoni nell’area, nonché di scongiurare possibili stazionamenti e quindi eventuali assembramenti.

Ci saranno controlli da parte di pattuglie di polizia e carabinieri a cavallo al fine di presidiare meglio l’area ed evitare che si superi la “soglia di saturazione“, facendo così transitare le persone sulle vie vicine, anche tramite l’aiuto di transenne.

LEGGI ANCHE —> Covid 19, ecco perchè alcuni si ammalano gravemente ed altri no

LEGGI ANCHE —> Allarme degli scienziati: “La Candida Auris potrebbe causare una nuova pandemia”

Roma, il prefetto: “Mantenere alta l’attenzione”

Modello Roma anti assembramenti weekend
(Getty Images)

Tutto ciò è quello che è stato deciso durante il comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dal prefetto Matteo Piantedosi, che ha visto la partecipazione dei vertici delle forze dell’ordine e della polizia locale nonché dei rappresentanti di Regione Lazio e Roma Capitale. Il territorio sarà presidiato con attenzione.

Inoltre vi saranno controlli amministrativi agli esercizi commerciali a Trastevere, Ponte Milvio, Ponte della Musica e San Lorenzo. Durante il comitato, il prefetto ha sottolineato la “grande collaborazione fornita dalla cittadinanza finora” e ha richiesto di proseguire nel mantenere “alta l’attenzione perché solo con l’impegno di tutti potremmo uscire da questo momento delicato“, nel corso del quale non si deve “assolutamente abbassare la guardia“.