Hanno rinunciato al mandato difensivo i legali di Pietro Morreale, il 19enne arrestato con l’accusa di aver ucciso la fidanzata Roberta Siragusa

Omicidio Roberta Siragusa, i legali di Pietro Morreale hanno rinunciato al mandato difensivo
Pietro Morreale e Roberta Siragusa

Le indagini sul brutale femminicidio di Roberta Siragusa, il cui cadavere carbonizzato è stato trovato dieci giorni fa in un dirupo su indicazione del fidanzato, il 19enne Pietro Morreale, registrano un’inattesa novità: i legali di Pietro Morreale, finito dietro le sbarre con l’accusa di aver ucciso la 17enne, hanno rinunciato al loro mandato difensivo. Come riferito dall’agenzia Adnkronos, gli avvocati Giuseppe Di Cesare e Angela Barillaro hanno formalizzato la rinuncia del loro mandato al Tribunale di Termini Imerese (Palermo). Il nuovo avvocato del ragazzo, detenuto proprio a Termini Imerese, è Gaetano Giunta del foro di Catania.

LEGGI ANCHE –> Vaccino, per il farmacista che ha distrutto 500 dosi il Covid è un complotto

Omicidio Roberta Siragusa, i legali del fidanzato hanno rinunciato alla sua difesa

Pietro Morreale continua a professarsi innocente: Roberta, secondo la sua versione dei fatti, si sarebbe data fuoco da sola e poi si sarebbe gettata nel dirupo; tuttavia, secondo quanto ricostruito finora dagli inquirenti, la 17enne sarebbe stata selvaggiamente picchiata, uccisa e il suo cadavere carbonizzato per cancellare ogni traccia potenzialmente riconducibile al 19enne.

LEGGI ANCHE –> Covid, Gran Bretagna: è allarme variante sudafricana

lntanto, oggi alle 15.00, il patologo Alessio Asmundo, perito nominato dal Gip, nell’Istituto di Medicina legale del Policlinico di Messina, eseguirà l’autopsia sul corpo di Roberta. Presenzieranno i consulenti scelti dal nuovo avvocato di Pietro Morreale e quelli della parte offesa, la famiglia di Roberta Siragusa, assistita dagli avvocati Sergio Burgio e Giuseppe Canzone. Al termine dell’autopsia il corpo della ragazza sarà restituito ai familiari per i funerali.