Sul Monte Vareno, in provincia di Brescia, padre e madre precipitano in un dirupo e muoiono davanti alla loro figlia di 5 anni

Precipitano in un dirupo e muoiono davanti alla figlia di 5 anni

Tragedia sul Monte Vareno, ad Angolo Terme, in provincia di Brescia. Una coppia di Milano, Valeria Coletta, 35 anni, e il marito Fabrizio Martino Marchi40 anni, è morta, cadendo in un dirupo, davanti alla figlia di 5 anni, in gita con loro assieme a una coppia di amici. Secondo quanto ricostruito anche, e soprattutto, in base alle testimonianze, la coppia è scivolata da una roccia innevata mentre percorreva il sentiero che conduce a Castello Orsetto (Brescia), a quota 1.400 metri. A perdere l’equilibrio, probabilmente scivolando su una una lastra di ghiaccio nei pressi di un canale, sarebbe stata per prima la donna. Poi, l’uomo ha tentato di aiutarla ma è precipitato per altri 200 metri. Entrambi sono morti sul colpo. Sembra che la coppia non indossasse i ramponi, come raccomandato per affrontare quel tratto, ma semplici doposci mentre la piccola era sul bob trascinata dai genitori.

LEGGI ANCHE –> Zona gialla: tutto quello che c’è da sapere sugli spostamenti

Padre e madre precipitano in un dirupo sotto gli occhi della figlia di 5 anni. La piccola è stata affidata ai nonni

Per un beffardo scherzo del destino, come ricordato dal portale leggo.it, le vittime prima della tragedia stavano affrontando un sentiero che porta al Salto degli sposi, un belvedere, a dieci minuti a piedi dal Passo della Presolana, così ribattezzato a seguito di un dramma consumatosi a metà dell’Ottocento: una coppia, lui un musicista polacco e lei una pittrice, si tolse la vita lanciandosi nel vuoto abbracciata. Intanto, i carabinieri stanno indagando per ricostruire l’esatta dinamica di quanto accaduto e se in qualche modo poteva essere evitato.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, Claudia, 25 anni, muore nel giorno del suo compleanno

Le salme delle due vittime sono già state restituite ai familiari mentre la bambina, sotto choc, è stata affidata ai nonni. Valeria Coletta lavorava in una finanziaria, Fabrizio Martino Marchi era dipendente di una azienda farmaceutica.