Dopo la lotta al covid 19, gli scienziati, sono al lavoro per arginare la pericolosità della variante del covid, di cui a tutt’oggi non si conoscono ancora le caratteristiche.

Proprio per questo, è nato il Consorzio Italiano, promosso e sostenuto dal Ministero della Salute, che avrà il compito di supervisore dei dati epidemiologi e clinici della banca biologica Rezza.

Le varianti del covid, sono ormai da giorni allo studio dei medici, i quali stanno cercando di capire quanto possano essere efficaci i vaccini che abbiamo a disposizione, e per i quali è partita la campagna di vaccinazione, che dati alla mano, dovrebbe concludersi entro l’autunno prossimo, varianti permettendo.

Nasce il Consorzio Italiano, per la supervisione delle varianti covid, e per lo studio di probabili prossime pandemie che deriveranno dal mondo animale.

Al momento, la variante che preoccupa di più è quella brasiliana, la quale, potrebbe non rispondere in parte o del tutto al vaccino.

LEGGI ANCHE—>AIFA: “E’ solo la prima, verranno altre pandemie”

Proprio per questo, è nata l’esigenza di creare un istituto, che abbia la capacità capillare di monitorare la risposta immunitaria alla vaccinazione.

Il vertice dell’Iss, Silvio Brusaferro, ha esposto la necessità di affrontare l’argomento varianti, in sinergia in tutta Europa.”L’importanza di fare rete in una giornata come oggi, ha dichiarato Brusaferro, unisce il ministero, i centri di ricerca, le Regioni, le università, i centri di ricerca, gli istituti zooprofilattici.Sono le competenze presenti nel Paese che si mettono a fattore comune con entusiasmo e capacità di fare innovazione,condividendo i dati scientifici a livello del Paese e internazionale.Questo è un bel momento del Paese”.

LEGGI ANCHE—>Coronavirus, variante brasiliana: primo caso in Italia

La nascita del Consorzio, si rivelerà utile anche in futuro, secondo quanto affermato dal presidente dell’Afa, Giorgio Palù, che si dice convinto che questa non sarà la sola epidemia che il mondo si troverà ad affrontare, ma ne deriveranno altre, dal mondo animale, ed è per questo che bisogna farsi trovare pronti.

Per il viceministro Paolo Sileri, la nascita di questo Consorzio, è la risposta italiana alla sorveglianza delle mutazioni del virus responsabili delle infezioni emergenti, nonchè della valutazione dell’efficacia e della durata della vaccinazione.