Il Comitato tecnico scientifico regionale ha suggerito l’istituzione della zona rossa, un lockdown “morbido”, in Sicilia per tre settimane

Sicilia zona rossa tre settimane
(Getty Images)

Stando ad alcune indiscrezioni, il Comitato tecnico scientifico della Sicilia starebbe valutando l’ipotesi di mettere la Regione in lockdown “morbido” per tre settimane di zona rossa. La relazione del Cts sarebbe già giunta ai componenti del governo regionale. Questa potrebbe essere la misura da adottare, a seguito di una recrudescenza dei contagi da Covid in Sicilia. Infatti, secondo gli esperti del Cts siciliano, zona arancione non sarebbe sufficiente a proteggere adeguatamente le persone dal virus.

Nella Regione si sono registrati 1.435 nuovi casi su 8.572 tamponi nella giornata di giovedì 7 gennaio. Nella medesima giornata il tasso di positività è stata al 16,7%, in lieve calo rispetto al giorno precedente (17,3%). Mercoledì 6 gennaio i nuovi contagi dal virus erano stage 1.692. Il tutto per un totale di persone attualmente positive di 38.705, al giovedì 7 gennaio.

LEGGI ANCHE —> Covid, Usa: niente ospedale per gli infettati con basse chance di sopravvivenza

LEGGI ANCHE —> Covid, test su 463 spettatori di un concerto al chiuso: risultati sorprendenti

Covid, Sicilia verso l’istituzione della zona rossa per tre settimane | I dettagli

Sicilia zona rossa tre settimane
(Getty Images)

Sempre nello stesso giorno, l’Isola era quinta per numero di nuovi contagi alle spalle di Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Lazio. Insomma, una situazione che preoccupa la Giunta Musumeci, che studia le suddette restrizioni. Si legge in una nota della Presidenza della Regione.

Al vaglio del governo Musumeci ci sono misure restrittive che si rendono necessarie in considerazione dell’ andamento del contagio sul territorio siciliano“. Si attende quindi una decisione riguardo i provvedimenti necessari allo studio, dato l’aumento dei casi di contagio da Covid all’interno della Regione. Intanto nella giornata di venerdì 8 gennaio resteranno valide le misure prese dal Governo nazionale sulla didattica, salvo nei Comuni in cui sono stati già decisi provvedimenti differenti.