Ha fatto il giro del web e dei social network il video del brutale pestaggio di un rider da parte di 5 balordi per rubargli lo scooter

Video shock: rider picchiato brutalmente per rubargli lo scooter
Video shock: rider picchiato brutalmente per rubargli lo scooter

E’ diventato immediatamente virale il video che ritrae un rider mentre viene brutalmente aggredito da un gruppo di 5 uomini a viso coperto a Calata Capodichino, nei pressi dell’omonimo aeroporto di Napoli. L’uomo, 52 anni e con una famiglia da mantenere, come si vede nel video, viene prima bloccato, poi accerchiato, ed infine scaraventato, dopo una selva di calci e pugni, a terra insieme al suo scooter, a bordo del quale i 5 delinquenti si dileguano.  I rider, ovvero i fattorini nell’era digitale e dei social network, sono l’emblema dei lavoratori precari e spogliati di ogni elementare diritto: vengono pagati, infatti, a consegna, quasi mai hanno un’assicurazione né usufruiscono dell’indennità per malattia ma soprattutto devono effettuare le consegne, con tempi da top driver della MotoGp, con un mezzo di locomozione di loro proprietà.

LEGGI ANCHE –> Livorno, fiamme in casa: trovato corpo carbonizzato

Napoli, video shock: ridere picchiato selvaggiamente per rubargli lo scooter. Ministra Nunzia Catalfo: “Fare piena luce”

Subito dopo la diffusione del predetto video da parte dell’assessore regionale dei Verdi Francesco Borrelli, è partita sui social network una raccolta fondi, che in poche ore ha racimolato la non disprezzabile cifra di 7000 euro, per ricompare un scooter, essenziale per il suo lavoro, al malcapitato rider.

LEGGI ANCHE –> Medico vaccinato e positivo, Locatelli: “Immunità solo con la seconda dose”

Anche la Ministra del Lavoro Nunzia Catalfo ha espresso solidarietà al rider 52enne picchiato e derubato dello scooter chiedendo, tra l’altro, che venga fatta piena luce su tale increscioso episodio.