Ennesimo femminicidio: a Capalbio, in provincia di Grosseto, un 32enne romena è stata uccisa a coltellate dal marito

Grosseto, donna uccisa a coltellate dal marito

Appena pochi giorni fa, esattamente il 25 novembre, si è celebrata la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza conto le donne istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, tramite la risoluzione numero 54/134 del 17 dicembre 1999, come momento di riflessione e di sensibilizzazione dell’opinione pubblica sul deprecabile e inaccettabile fenomeno della violenza contro le donne che vede nella stragrande maggioranza dei casi nel ruolo di carnefici i partner, i compagni, i mariti e gli ex, insomma chi diceva loro di amarle. Eppure, ancora una volta dobbiamo registrare un femminicidio, questa volta nel Grossetano. Una donna di 32 anni è stata uccisa a coltellate a Pescia Fiorentina, frazione di Capalbio, in provincia di Grosseto. In stato di fermo in ospedale il marito 39enne: i Carabinieri pensano sia stato lui a colpire la donna.

LEGGI ANCHE –> Torino, spara a moglie e ai gemellini e poi si suicida: donna e bimbo morti

Grosseto, 32enne uccisa a coltellate dal marito. La vittima ha cercato di dfendersi

Marito e moglie, Adrian Luminita e Madalina Luminita, entrambi cittadini romeni, lavoravano come custodi in una villa e vivevano nella dépendance. E’ stato l’uomo ad allertare i soccorsi. Quando i militari sono arrivati hanno trovato il corpo senza vita della donna e il marito, in stato confusionale, che è stato subito arrestato per omicidio. Aveva alcune ferite da taglio, oltre a bruciature, ed è stato accompagnato all’ospedale di Orbetello per essere trasferito a “Le Scotte” di Siena dove è piantonato.

LEGGI ANCHE –> Lei vuole partire per le vacanze, lui no per paura del Covid: omicidio-suicidio

La trentaduenne, raggiunta da una decina di coltellate al petto e al ventre, ha comunque cercato di difendersi: infatti aveva un coltello in mano. Sulla base di diverse suppellettili bruciate rinvenute sulla scena del crimine, gli inquirenti ipotizzano che dopo l’efferato uxoricidio l’uomo abbia tentato di dare fuoco all’abitazione. Intanto si indaga per risalire al movente che ha scatenato la violenza omicida dell’uomo.