Tommaso Zorzi a Seconda Vita, nuovo programma di Dplay Plus, racconta di sé e del suo passato, confessando alcuni dettagli della sua intimità

30 nov curiosauro tommaso zorzi

Tommaso Zorzi sapeva di essere diverso. Da sempre. Da tempi immemori. L’influencer in effetti non si è mai negato “questa cosa”. Ma di che cosa si trattasse, lui lo ha scoperto solo molto tempo dopo. “Non l’ho mai affossata”, ha confessato il concorrente della quinta edizione del Grande Fratello Vip, condotto da Alfonso Signorini, a Dplay Plus.

Infatti da questa domenica 29 novembre sul canale Dplay Plus – ma anche dal prossimo 9 dicembre, mercoledì, sul canale Real Time, andrà in onda il programma inedito, che sarà diviso in sette puntate, chiamato Seconda Vita. In ogni puntata, un personaggio televisivo – o del mondo del web – si racconterà. Parlerà delle esperienze personali, felici e dolorose, di speranze e desideri, di tenacia e disperazione. Di una seconda chance. Che dovrebbe essere concessa a tutti.

LEGGI ANCHE — > Tina Cipollari torna single e dichiara: “Non associatemi più a nessuno”

Ed è proprio lui, uno degli inquilini più amati e discussi di questa quinta edizione del reality show più amato e seguito dagli italiani, il primo personaggio a parlare senza inibizioni di sé, della sua vita, del suo passato. Non passano inosservate le confessioni di Zorzi, dichiaratamente omosessuale. L’influencer ha fatto una confessione inaspettata, che ha lasciato a bocca aperta quanti hanno sentito le sue dichiarazioni: “Sono andato con ragazze pur sapendo di non essere eterosessuale”, è stata la sua rivelazione. “Ma sai, i ragazzini riescono ad essere veramente cattivi quindi per mettere a tacere le voci magari ti limonavi la ragazza in discoteca davanti a tutti per poter dire il giorno dopo a scuola ‘anche io ho la ragazza’”. Così, Zorzi ha finto fino a 18 anni, poi si è recato in Gran Bretagna per motivi di studio. Lì, nella sua patria adottiva, ha potuto girare e vedere “gente con i capelli blu e le unghie verdi”, che gli sembravano “tutti matti”. Ma è stato proprio questo che gli ha dato la forza di dire ‘I am what I am’, come diceva Gloria Gaynor. E si è chiesto: “perché devo far finta di essere qualcun altro?”.