La scultura in marmo è stata trovata dagli operai che stavano ristrutturando il sistema fognario della capitale greca, e le autorità di Atene sostengono che il busto risale a circa il 300 a.C.

hermes grecia

Gli operai che hanno ristrutturato il sistema fognario di Atene hanno scoperto il busto di una divinità greca risalente al 300 a.C. circa.

La scultura in marmo dell’antico dio Ermes, risalente a 2.300 anni fa, è stata trovata in uno stato di conservazione in gran parte integro.

Secondo il Ministero della Cultura greco, mostra la divinità in “età matura“, mentre la maggior parte delle sue rappresentazioni lo ritraggono come giovane e atletico, senza barba.

L’immaginario maturo di Hermes si riferisce all’arte greca arcaica, dove egli viene mostrato con la barba, vestito come un viaggiatore, un messaggero o un pastore.

Leggi anche -> Vaccino COVID-19, Pfizer: “Risultati incoraggianti con piattaforma mRNA”

Hermes era considerato un messaggero degli dei nell’antica religione greca ed è caratterizzato dai suoi “sandali alati” che gli permettono di muoversi tra i regni del mortale e del divino.

Si faceva chiamare “Mercurio” ed era considerato un protettore dei viaggiatori, del commercio, dei ladri, dello sport, degli atleti e delle frontiere.

Le autorità greche hanno detto che il busto sembra essere una creazione del famoso scultore greco Alcamenes.

hermes grecia

È stato scoperto a circa 1,3 metri di profondità in via Aiolou, nel centro di Atene, che prende il nome da Eolo, il dio dei venti della mitologia greca.

Leggi anche -> SpaceX, seconda operazione Crew Dragon lanciata con successo

È probabile che il busto fosse un frammento di una colonna, che si trovava in corrispondenza di incroci e strade e fungeva da segnaletica stradale.