Jihadisti legati all’ISIS avrebbero compiuto uno massacro in Mozambico, trasformando un campo di calcio in un “campo di esecuzione”.

massacro isis

Alcuni militanti islamisti hanno “decapitato 50 persone su un campo di calcio prima di fare a pezzi i loro corpi“, è stato riportato.

I media statali in Mozambico hanno riferito che un campo di calcio nel nord dell’Africa è stato trasformato in un “campo di esecuzione” dove hanno decapitato e fatto a pezzi i corpi.

Almeno 15 ragazzi sono stati tra i morti di questa orribile carneficina, e alcune delle vittime erano adolescenti che partecipavano a una cerimonia di iniziazione maschile.

Leggi anche -> Mamma 35enne sbranata da un branco di cani, aperta un’inchiesta

Si dice che alcuni degli uomini armati abbiano urlato “Allahu Akbar” – tradotto come “Dio è grande” in arabo – quando hanno fatto irruzione in un villaggio e rapito alcune delle donne, mentre altre vittime sono state massacrate nel villaggio di Muatide.

Un ufficiale del distretto di Mueda ha dichiarato: “La polizia è venuta a conoscenza del massacro commesso attraverso le segnalazioni di persone che hanno trovato cadaveri nel bosco.

“E’ stato possibile contare 20 corpi sparsi su un’area di circa 500 metri”.

“Si trattava di giovani che si trovavano a una cerimonia di rito di iniziazione accompagnati dai loro consiglieri”.

massacro isis

Un operatore umanitario, che ha rifiutato di essere nominato, ha aggiunto: “I funerali si sono svolti in un ambiente di grande dolore. I corpi erano già in decomposizione e non potevano essere mostrati ai presenti”.

Leggi anche -> Tenente della polizia ucciso durante un combattimento fra galli

I militanti avevano attaccato diversi villaggi vicini, saccheggiando e incendiando case prima di ritirarsi nella boscaglia circostante.