Coprifuoco notturno in Lombardia, Campania e nel Lazio: per gli spostamenti durante il blocco, quindi, sarà necessario dotarsi dell’autocertificazione

Coprifuoco in Campania, Lombardia e nel Lazio: torna l'incubo dell'autocertificazione

Per far fronte all’incremento vertiginoso dei casi di positività al coronavirus i Presidenti delle Regioni maggiormente colpite dalla seconda ondata della relativa epidemia sono stati costretti a imporre il coprifuoco. Ultima in ordine di tempo è il Lazio il cui Governatore, Nicola Zingaretti, ha firmato l’ordinanza che dispone il coprifuoco dalle 24.00 alle 5.00, con una validità di 30 giorni, oltre alla didattica a distanza alle scuole medie-superiori, tranne per i primi anni dei relativi corsi di studi, e al 75% alle Università, tranne per le matricole e per le attività formative che necessitano della presenza fisica o l’utilizzo di strumentazioni, al fine di ridurre il rischio contagio sui mezzi di trasporto pubblico locale. Interdetti, dunque, gli spostamenti in orario notturno salvo che per comprovate esigenze” (a titolo d’ esempio, per i lavoratori, il tragitto dal domicilio al luogo di lavoro e viceversa) e per situazioni di necessità o d’urgenza ovvero per motivi di salute. Ragion per cui i residenti nel Lazio dovranno munirsi dell’autocertificazione, il cui modulo è scaricabile dal sito della Regione, per motivare i propri spostamenti durante il coprifuoco e devono farlo in fretta visto che il blocco notturno sarà in vigore da domani mentre le misure riguardanti la dad da lunedì prossimo.

LEGGI ANCHE –> Covid, OMS: “Aumento casi per mancato rispetto della quarantena”

Covid, con il coprifuoco torna l’incubo dell’autocertificazione anche in Lombardia e in Campania

Anche in Lombardia, a decorrere da oggi, 22 ottobre, è possibile spostarsi solo per “motivi di salute” e “comprovate esigenze lavorative” durante il coprifuoco notturno previsto dalle 23 alle 5 dall’ordinanza firmata ieri dal Presidente della Regione Attilio Fontana. E’ in ogni caso consentito il rientro al proprio domicilio ma sarà necessaria un’autocertificazione, pena le medesime sanzioni e ammende pecuniarie contemplate dal decreto dello scorso 25 marzo. Didattica a distanza in tutte le scuole secondarie lombarde, invece, a decorrere dal 26 ottobre. Inoltre, pur rimanendo sospese gare e competizioni per gli sport di contatto dilettantistici, potranno essere svolte sessione di allenamento individuale nel rigoroso rispetto delle norme anti-contagio da Covid. Anche in Campania, dalla mezzanotte di domani, non ci si potrà spostare da una provincia all’altra. Sarà possibile farlo solo, previa autocertificazione, per motivi di lavoro, sanitari, scolastici, socio-assistenziali e per l’approvvigionamento di beni essenziali.  Autocertificazione modello “fai da te”, però, in Campania dal momento che, come reso noto dalla Regione, non è possibile utilizzare un modello precompilato: i cittadini campani, pertanto, devono compilare l’autocertificazione da soli avendo cura di inserire i propri dati anagrafici e la motivazione dello spostamento. Autocertificazione che avevamo definitivamente mandato in archivio ma ora, purtroppo, siamo costretti a rispolverarla.

LEGGI ANCHE — > Napoli, appartamenti in affitto per feste private