Agenzia delle Entrate: state attenti a questa novità che riguarda le detrazioni delle spese sanitarie per non perderle

Agenzia delle Entrate detrazioni spese sanitarie
(foto dal web)

Quando si compila la dichiarazione dei redditi, tra le voci da riempiere vi è quella concernente i medicinali e le visite mediche. Dal 2021 si deve tenere presente che ci saranno alcune disposizioni per ottenere il beneficio relativo alle detrazioni. Le ha riportate il sito ‘ProiezionidiBorsa.it‘, secondo cui entreranno in vigore dei nuovi provvedimenti su pagamenti e tracciabilità.

Stando alla Legge di Bilancio 2020, si potrà beneficiare delle detrazioni delle spese sanitarie 2020 soltanto nel caso in cui queste risultino compiute attraverso un metodo di pagamento tracciabile. Questo sta a significare che nella dichiarazione dei redditi del 2021, relazione all’anno di imposta 2020 si potranno inserire solo le spese sanitarie tracciabili. Saranno escluse qui di quelle compiute tramite denaro contante. Diversamente da quanto previsto precedentemente, niente detrazioni per le spese sanitarie pagate via cash.

LEGGI ANCHE —> Agenzia delle Entrate, truffa false mail | Attenzione a quegli allegati

LEGGI ANCHE —> Mascherine detraibili nel 730 del 2021 | I requisiti dell’Agenzia delle Entrate

Agenzia delle Entrate, detrazioni spese sanitarie: nuove regole da seguire

Agenzia delle Entrate detrazioni spese sanitarie
(foto dal web)

Questo si legge nei provvedimenti numero 329676 e numero 329652 dell’Agenzia delle Entrate del 16 ottobre scorso. Sono pagamenti tracciabili, tutte le forme di pagamento diverse da quelle effettuate attraverso denaro contante. Stiamo parlando di quelle tramite carta di credito, debito o prepagata, bonifico bancario, assegno e simili.

Le spese compiute attraverso questi mezzi di pagamento che potranno beneficiare delle detrazione IRPEF saranno quelle le spese medico-sanitarie e veterinarie e gli oneri diversi dalle spese sanitarie e veterinarie.

A tutto ciò faranno eccezione le spese per l’acquisto di medicinali o dispositivi medici e le prestazioni sanitarie in strutture pubbliche o private accreditate, per cui la detrazione sarà valida a prescindere dalle forme di pagamento usate. Questo vuol dire che per ricevere le detrazioni IRPEF questi pagamenti si potranno compire anche con denaro contante.