Monito del Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro: “Il Covid circola ancora: rispettate le regole”

Brusaferro: "Rispettate le regole: il Covid circola ancora"
Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro

Con 7.332 nuovi positivi al Coronavirus nelle ultime 24 ore è stato raggiunto il picco dei contagi dal famigerato virus cinese, un livello non è stato toccato neanche durante la prima, e più dura, fase dell’attuale emergenza sanitaria legata all’epidemia di Covid-19. “Questa crescita significativa ci dice che siamo in una nuova fase dell’epidemia. Se oggi si rispettano le regole, si possono evitare nuovi provvedimenti“. Lo ha dichiarato, dalle colonne del quotidiano “La Repubblica” il Presidente dell’ Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro. Gli effetti delle nuove misure “si vedranno dopo la fine della prossima settimana”, ha rassicurato. Ha inoltre invitato alla massima vigilanza, “Grande attenzione”, sulle RSA dove il virus sta tornando. Pochi focolai, invece, nella scuola, ha sottolineato, dal momento che il contagio è soprattutto a livello familiare e domiciliare. Infine, in merito al rischio trasporti pubblici ha sollecitato a “scaglionare gli orari delle attività“.

LEGGI ANCHE –> GF Vip, cambia tutto, non finirà a Dicembre | La decisione di Mediaset

ISS, Brusaferro: “Il Covid circola ancora: rispettate le regole”. Speranza: “Rafforzare lo smart working”

Il governo ritiene la scuola “una priorità assoluta“, ha dichiarato il Ministro della Salute Roberto Speranza in Commissione Infanzia. “Quello del trasporto pubblico è un problema: va rafforzato lo smart working e differenziati gli orari d’inizio delle scuole e uffici pubblici. La tutela dell’infanzia e adolescenza è l’investimento più importante”, ha rimarcato il titolare del dicastero della Salute. Mentre, a proposito di violenze sui minori e cyberbullismo, ha evidenziato che “la libertà della rete non può essere un paravento per le violenze”.

LEGGI ANCHE –> GF Vip, Franceska Pepe “Ciao comodino…”, la reazione di Andrea Zelletta