Giovedì sera, un razzo Northrop Grumman è stato lanciato dalla costa della Virginia, con a bordo una toilette spaziale avanzata per gli astronauti della Stazione Spaziale Internazionale.

bagno iss

Considerato più piccolo e leggero degli attuali servizi igienici della ISS, il nuovo bagno dovrebbe anche essere più accogliente per le donne astronaute che hanno bisogno di utilizzare le strutture spaziali.

Chiamato Universal Waste Management System (sistema universale di gestione dei rifiuti), il bagno è uno dei due servizi igienici potenziati che la NASA sta realizzando al costo di 23 milioni di dollari. Sebbene quello lanciato stasera sia destinato alla ISS, un secondo gabinetto identico sarà aggiunto alla futura capsula dell’equipaggio della NASA, chiamata Orion. La NASA prevede di inviare astronauti sulla Luna usando Orion nei prossimi anni, e l’Universal Waste Management System, o UWMS, sarà all’interno della capsula per chiunque avesse bisogno di un pitstop lungo il percorso.

Leggi anche -> Scienza, ricercatore spaziale dichiara: “Ecco i 4 pianeti più promettenti per la vita aliena”

Poiché questo gabinetto viaggerà nello spazio profondo, la NASA aveva bisogno di qualcosa di compatto ma altrettanto efficiente quanto i gabinetti del passato. Gli oggetti più pesanti e ingombranti sono più costosi e più difficili da lanciare. Così la NASA ha fatto del suo meglio per ottimizzare le dimensioni della toilette, rendendola più piccola del 65% e più leggera del 40% rispetto alle attuali toilette ISS.

bagno iss
L’agenzia dice anche che gli ingegneri hanno reso la toilette più efficiente dal punto di vista energetico. “Si può immaginare che l’ottimizzazione possa essere d’aiuto in molti modi, perché lo spazio e l’energia sono di grande aiuto su una navicella spaziale“, ha detto Melissa McKinley, responsabile del progetto per l’UWMS alla NASA, durante una conferenza stampa la scorsa settimana.

Nonostante questi aggiornamenti, il nuovo gabinetto dell’UWMS funziona più o meno come i gabinetti già presenti nello spazio. Tutti i bagni a microgravità si basano su una cosa importante: l’aspirazione. L’aspirazione fa in modo che i rifiuti prodotti dagli astronauti vengano effettivamente tirati nella toilette e non fluttuino inavvertitamente intorno alla cabina dell’equipaggio.

Leggi anche -> Scienza: “Gli alieni potrebbero trovarsi sotto la superficie di Marte”

Per fare pipì negli attuali gabinetti a bordo della ISS, gli astronauti usano un imbuto collegato a un tubo flessibile, con un ventilatore all’interno, che tira l’urina in un serbatoio. Per l’altro tipo di bisogno, gli astronauti “si siedono” sopra un serbatoio che utilizza lo stesso ventilatore che tira il tutto in una sacca.