Gli animalisti vogliono che si ponga fine agli orribili esperimenti finanziati dai contribuenti in cui le scimmie subiranno buchi di trivellazione nel cranio e poi riempiti col cemento

scimmia esperimenti

I sostenitori della campagna animalista vogliono che si ponga fine agli orribili esperimenti in cui scimmie subiranno delle perforazioni in testa dove alcuni elettrodi saranno impiantati nel cervello dei primati e tenuti insieme con il cemento in un’università belga, si sostiene.

Gli studi, finanziati dai contribuenti, sono stati bollati dagli attivisti per i diritti degli animali come “inutili e crudeli” e “semplicemente malvagi“.

Il gruppo olandese Animal Rights dice che 12 scimmie rhesus saranno sottoposte ai test a KU Leuven e la maggior parte sarà uccisa in seguito.

Leggi anche -> Tigre emerge da un fiume in città: è caccia al felino

Una petizione del gruppo che chiede la liberazione dei primati afferma: “Gli esperimenti sul cervello causano alle scimmie molta sofferenza. Per poter misurare la loro attività cerebrale, tutte le scimmie da esperimento sono rese “pronte per l’uso”.

Gli elettrodi vengono impiantati nel cervello attraverso dei fori nel loro cranio. Il cemento viene utilizzato per fissare un’asta di fissaggio o un ‘cappello’ al cranio.

Questa asta serve per fissare la testa delle scimmie durante le successive misurazioni cerebrali. Gli animali devono seguire pesanti programmi di addestramento per mesi e vengono sottoposti a rigide diete a base d’acqua per costringerli a collaborare con i ricercatori”.

scimmia esperimenti

Jen Hochmuth ha condannato l’uso delle scimmie come “esperimenti inutili e crudeli che servono solo a soddisfare la curiosità di scienziati privi di compassione”.

“Gli esperimenti sul cervello delle scimmie non sono un male necessario, ma un vero e proprio male”.

Leggi anche -> Luccio enorme attacca un uomo in un canale, “Non lo farò più”

Animal Rights ha detto che i ricercatori stavano beneficiando di un sussidio di 1,8 milioni di euro da parte dei contribuenti fiamminghi per i loro controversi esperimenti.