Arrestati i genitori della neonata lanciata da un balcone al secondo piano di un condominio a Roccapiemonte, in provincia di Salerno

Arrestati i genitori della neonata scagliata da una finestra al secondo piano

Secondo la dottrina cattolica, il male è ispirato dal diavolo, i protestanti addirittura non lasciano neanche un margine di libero arbitrio visto che, in omaggio alla predestinazione della grazia, come sosteneva Martin Lutero, il teologo e monaco agonstiniano che avviò la riforma protestante, “l’anima è come un animale da soma, quando è cavalcata da Dio, va verso il bene, quando è cavalvata dal diavolo, va verso il bene”.  Eppure, come sarcasticamente sottolineava lo scrittore Karl Kraus, “il diavolo deve essere molto ottimista se pensa di poter peggiorare l’uomo” dato che gli esseri umani anche senza l’influenza perniciosa del diavolo riescono comunque a macchiarsi di nefandezze inenarrabili come ci rende edotti quasi quotidianamente la cronaca: all’orrore per la giovane madre che in Germania ha ucciso 5 dei propri 6 figli, di età compresa tra 1 e 8 anni, si è aggiunto quello per la neonata scaraventata da un balcone al secondo piano di uno stabile, poco dopo essere stata partorita, a Roccapiemonte, nel Salernitano. La bimba è stata ritrovata con il cordone ombelicale ancora attaccato. La ferita alla testa che è stata riscontrata dal medico legale le è stata molto probabilmente fatale. Il corpicino senza vita della bimba è stato rinvenuto vicino alla siepe che separa il palazzo da dei garage da un anziano che poi ha allertato i carabinieri.

LEGGI ANCHE –> Germania, madre uccide cinque dei propri sei figli

Salerno, neonata scagliata da un balcone al secondo piano: arrestati i genitori

I militari della Compagnia di Mercato San Severino in poche ore, come riportato dal portale fanpage.it, hanno identificato e fermato la coppia di genitori che vive al secondo piano. In casa, secondo le prime ricostruzioni, nell’appartamento della coppia, i militari dell’Arma hanno rinvenuto elementi che hanno permesso di appurare con certezza l’avvenuto parto. Quello che è successo dopo e il movente, invece, restano ancora da capire anche perché marito e moglie non hanno risposto alle domande degli organi preposti e non hanno fornito alcuna dichiarazione sull’accaduto. L’uomo, Massino Tufano, 47 anni, originario di Scafati, agente pubblicitario per una nota agenzia, è stato subito tradotto in carcere mentre la moglie, Margherita Galasso, 42 anni, è ancora piantonata in ospedale. Molti dei vicini non sapevano che la donna aspettasse un bambino ma tutti sono concordi nel ritenere che avesse problemi di salute mentale. La coppia ha anche un altro figlio di 17 anni che però è affidato ai nonni.

LEGGI ANCHE –> Elisabetta Gregoraci prepara le valigie per il GF ma il dettaglio non sfugge!