Marcia indietro di Walter Ricciardi, consulente del Ministero della Salute: “Apertura delle scuole a rischio? No, parlavo di altri Paesi”

Ricciardi: "Apertura scuole a rischio? No, parlavo di altri Paesi
Walter Ricciardi, consulente del Ministero della Salute

Se la circolazione del virus aumenta, le prossime elezioni e la riapertura delle scuole potrebbero essere a rischio. Dobbiamo mettere sotto controllo la curva epidemica che si è rialzata. Se si modificheranno positivamente i comportamenti, si potrà votare e riaprire le scuole, altrimenti, come in altri Paesi, queste attività sono a rischio. Incompatibile con l’epidemia la riapertura delle discoteche”, così Walter Ricciardi, ordinario d’igiene all’Università Cattolica e consulente del Ministero della Salute, salvo poi correggere il tiro: “Non ho mai detto che la riapertura delle scuole e elezioni siano a rischio in Italia. Le scuole riapriranno e si fa di tutto per riaprirle in sicurezza. Parlavo di altri Paesi dove il contagio è risalito in modo preoccupante. In Italia fortunatamente non è così e dobbiamo fare di tutto per tenere la situazione sotto controllo”.

LEGGI ANCHE – > McDonald’s e dieta, quali sono i panini più leggeri nel fast food

Ricciardi, apertura scuole e elezioni a rischio, anzi no. Azzolina: “Apertura scuole non a rischio”

Anche la Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, durante il proprio intervento al Tg1, ha garantito che le scuole riapriranno il prossimo 14 settembre: “Nessun rischio per l’apertura dell’anno scolastico il 14 settembre. E’ un’operazione complessa ma siamo più pronti rispetto a quando l’epidemia è scoppiata. Vogliamo riaprire le scuole ma anche evitare che richiudano. La mascherina è uno strumento di protezione importante, ne distribuiremo 11 milioni al giorno nelle scuole. In aula, dove c’è un metro di distanza, da seduti, gli studenti potranno toglierla”. Infine ha rassicurato i dirigenti scolastici: “I presidi non temano per responsabilità penale e civile”.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus si trasmette anche per via area | Lo studio divide gli esperti