Il figlio di Terence Hill, Jess, ricorda ancora con molto dolore il lutto che ha colpito la sua famiglia, dopo la scomparsa del fratello Ross.

Terence Hill, parla il figlio "Mio papà aveva il terrore negli occhi"
Ross Hill in compagnia del padre con il quale ha girato 2 film

Sono trascorsi 30 anni dalla morte di Ross Hill, figlio del grande attore Terence Hill. Ma questo dolore è mai passato.

LEGGI ANCHE—>FRANCESCO TOTTI: “CON LEI SIAMO UNA COSA SOLA”, E NON E’ ILARY

Nel 1990, la famiglia dell’attore ha dovuto dire addio al figlio adottivo Ross, morto a causa di un incidente stradale:  il veicolo in cui si trovava, in compagnia di un amico, si è ribaltato per via del ghiaccio. Lui morì sul colpo, il suo amico spirò poco dopo. Entrambi avevano 16 anni.

Nel 1990 il figlio di Terence Hill perse la vita in un incidente stradale “Giunti lì, non abbiamo potuto far altro che piangerlo”

Come riporta la redazione di Velvet Gossip, il fratello Jess, divenuto ormai produttore, che è stato sempre a fianco del padre, ricorda ancora quel giorno “Mio papà aveva il terrore negli occhi. Giunti lì, non abbiamo potuto far altro che piangerlo. Vedevo mio padre piangere sempre. Tante lacrime, tantissime! Sembrava a tutti assurdo quello che era accaduto”.

LEGGI ANCHE—>MARA VENIER DICHIARA APERTAMENTE: “GLI INFLUENCER? ROMPONO I CO***ONI”

In un momento delicato per il grande attore, che con Bud Spencer divise per anni le scene, arrivò anche una proposta da un produttore “Quando un potente produttore mi ha chiamato per il ruolo di uno stupratore minacciando di distruggere la mia carriera in caso di rifiuto, ho capito che era ora di partire, di continuare a fare l’attore ma per la mia strada.

Terence Hill, parla il figlio "Mio papà aveva il terrore negli occhi"
Sono sempre stati grandi amici Terence Hill e Bud Spencer

Presi moglie e figli, caricai la station wagon e mi ritrovai in Massachusetts. Era la stupenda estate indiana di Stockbridge, sembrava il paradiso. Solo più tardi ho scoperto che d’inverno si gela e la vita è meno idilliaca di come era apparsa la prima volta”.