Potrebbe essere rinviata la data d’inizio della nuova edizione de L’Eredità, popolare game show condotto da Flavio Insinna e in onda su Rai 1

Flavio Insinna L'Eredità rinviata data inizio
(foto dal web)

È fissato per il prossimo 28 settembre l’inizio della nuova edizione de L’Eredità. Tuttavia non sarebbe ancora sicuro che quella sia la data effettiva del game show condotto da Flavio Insinna. Precisiamo che non ci sono dubbi sul fatto che il quiz e il presentatore andranno in onda nel preserale di Rai 1, come ha luogo ormai da molti anni. Il via del programma potrebbe slittare a causa di alcune puntate di Reazione a Catena, registrate ma che rischierebbero di non essere trasmesse.

Non si tratta di episodi in eccesso, ma saltato per eventi imprevisti come l’inaugurazione del nuovo ponte di Genova del 3 agosto. Non sarebbe quindi escluso che Flavio dovrà attendere alcuni giorni, prima di prendere il posto di Marco Liorni. Niente di grave quindi per la trasmissione presentata da Insinna che è pronto a riprendere il timone del famoso game show tanto amato dai telespettatori.

LEGGI ANCHE —> L’Eredità, Tribunale ordina alla Rai | Flavio Insinna dovrà dire questa frase

LEGGI ANCHE —> L’Eredità, Flavio Insinna pensa a due nomi: “Sarebbe un’alternanza giusta”

Flavio Insinna, L’Eredità: dalla data d’inizio a rischio rinvio alla controversia sulla capitale di Israele

Flavio Insinna L'Eredità rinviata data inizio
(foto dal web)

D’altronde i numeri di share parlano chiaro e non lasciano spazio a dubbi. Il programma è stato spesso leader della sua fascia oraria. Nel frattempo, il quiz è balzato agli onori delle cronache per una vicenda risalente ad alcuni mesi fa. Stiamo parlando di una domanda sulla capitale di Israele. Il padrone di casa della trasmissione corresse la risposta di una concorrente indicando la città di Gerusalemme e non di Tel Aviv.

A seguito di proteste che ne sono scaturite, il conduttore si scusò per l’affermazione errata o quantomeno molto controversa. Tutto ciò però non è bastato. Infatti il tribunale ha accolto un ricorso che chiedeva un’ulteriore rettifica. Così Flavio dovrà pronunciare questa frase: “Il diritto internazionale non riconosce Gerusalemme quale capitale di Israele“.