La showgirl Alba Parietti, che in questi giorni si trova ad Ibiza, fa sapere che è contraria ai tamponi a chi rientra da paesi a rischio.

Alba Parietti contro i tamponi "Trovo assurdo che in alcune regioni obbligano a fare la quarantena"
Alba Parietti è contraria ai tamponi a chi rientra da paesi a rischio

E’  stata disposta un’ordinanza, firmata dal Ministro Roberto Speranza che chi va nei paesi dove il rischio di contagio è maggiore, come Croazia, Grecia, Malta e Spagna, al loro rientro dovranno sottoporsi al tampone.

Chi è proprio contraria a questi tamponi è la showgirl Alba Parietti, che in questi giorni si trova ad Ibiza, dove sta trascorrendo le sue vacanze, nella sua casa di proprietà.

LEGGI ANCHE—>CORONAVIRUS, BOCCIA :”DOPO FERRAGOSTO STRETTA SU MOVIDA E DISCOTECHE”

In un’intervista rilasciata all’Adnkronos, la showgirl fa sapere “Sono d’accordo con qualsiasi tipo di controllo, è doveroso, ma sull’ordinanza dei tamponi per chi rientra da Paesi a rischio, c’è qualcosa che non mi torna. Mi sembra più un modo per disincentivare il turismo fuori dall’Italia”.

Alba Parietti è contro la nuova ordinanza firmata dal Ministro Roberto Speranza: i turisti provenienti da paesi a rischio, dovranno sottoporsi al tampone

E ancora “Trovo assurdo che in alcune regioni si obblighi la gente che rientra dalle vacanze all’estero a farsi la quarantena! Come fa a lavorare? A me sembra che utilizzando queste modalità si voglia dire agli italiani: <<Non uscite da qua>>”.

LEGGI ANCHE—>CORONAVIRUS, AZZOLINA: “MASCHERINA SI PUO’ ABBASSARE SE C’E’ DISTANZIAMENTO”

La Parietti ha detto che dovrà anticipare il suo rientro di 2 settimane, per evitare di fare questi tamponi, perchè “Basta che sul mio volo ci sia una persona positiva che rischio di essere messa anche io 15 giorni a casa nonostante sia ormai immune”.

Alba Parietti contro i tamponi "Trovo assurdo che in alcune regioni obbligano a fare la quarantena"
Alba Parietti anticiperà il rientro da Ibiza per evitare di fare i tamponi

Ed infine ha voluto sottolineare “A Ibiza non ci sono le discoteche alle due di notte chiudono tutto, tutti per strada girano con la mascherina altrimenti si beccano una multa di 100 euro.

Io vengo da anni qui perché ho una casa di proprietà e sto con gente e amici che conosco e di cui mi fido. E nonostante questo sono stata insultata perché sono venuta a casa mia!”.