Coronavirus: si parla con maggiore ottimismo di un farmaco affidabile per fermare i contagi da SARS-CoV-2

Coronavirus

Coronavirus: la cura del dottor Paolo Ascierto pare possa funzionare. Con risultati sorprendenti in questa fase di sperimentazione. Lo studio dell’oncologo napoletano e del collega Vincenzo Montesarchio ha dato buoni risultati.

Con quasi quattromila pazienti curati in tutta Italia con ottimi risultati ottenuti. Non ci sono stati gli esiti sperati all’inizio della sperimentazione e nella fase 3. Ma i due oncologi sono concordi nell’affermare che sono tante le vite salvate.

La cura funziona, anche se non su tutti i pazienti sottoposti alla terapia. Da capire la percentuale esatta delle persone guarite. Per avere un arma in più a disposizione per tentare di debellare un virus che ad oggi fa ancora paura.

Lo studio dei due professori è stato pubblicato sul Journal of Immunotherapy of Cancer ed ha spiegato nello specifico i benefici dalla cura Ascierto.

–> Leggi anche Ferragosto, weekend da bollino rosso: un italiano su due è in viaggio!

L’anti-interleuchina-6 funziona molto bene sui pazienti non intubati, ma va somministrata al momento giusto

Coronavirus ed effetto della cura Ascierto. L’oncologo, insieme al collega Montesarchio, è consapevole che i risultati nella fase 3 non siano stati dei migliori. MA entrambi sono convinti dell’utilità dell’anti-interleuchina-6.

Che è la combinazione tra il Tocilizumab ed il Sorilumab che viene somministrato sottocute. L’aspetto fondamentale è quello dei tempi di somministrazione. Infatti gli effetti positivi restano quelli sui pazienti malati ma non ancora intubati.

In pratica bisogna essere bravi a cogliere il momento giusto. Che rimane quello prima della terapia intensiva. Ma nemmeno troppo presto. Perché ci vorrà un ‘bersaglio’ da colpire. In attesa di un antivirale efficace o meglio di un vaccino si dovranno per Ascierto limitare i danni.

–> Leggi anche Coronavirus, pericolo dalle vacanze | Il rischio dagli asintomatici

Coronavirus

Anche attraverso questa cura. Che permette di ridurre la mortalità e di contenere alla meglio un emergenza non ancora finita.

–> Leggi anche Robin Williams: un documentario spiega il suo suicidio