Mika in queste ore sta vivendo una situazione difficile. Con una tragedia indescrivibile che lo ha colpito

Mika

Mika sta vivendo delle ore difficili a causa di una tragedia che l’ha colpito nel profondo. L’artista è da sempre stato molto sensibile. Con la sua umanità che emerge anche nel suo lavoro. E che si nota nei suoi testi e nelle esibizioni live.

La terribile esplosione di ieri a Beirut lo ha praticamente sconvolto. Lui che libanese di nascita, alla visione di quelle immagini in televisione ha avuto un profondo senso di tristezza anche comprensibile.

La situazione in Libano non è delle migliori. La città di Beirut in queste ore è stata evacuata a seguito delle esplosioni che hanno rilasciato delle sostanze tossiche nell’aria. Una tragedia che ricorda per drammaticità forse quella di Chernobyl.

Anche se in questo caso non si tratta di esplosioni nucleari o di radiazioni. Ma comunque di sostanze altamente tossiche sprigionate nell’aria.

–> Leggi anche Allerta meteo, il ciclone si sposta: adesso forte maltempo al Centro Sud!

Il cantante ha scritto un messaggio su Twitter: “Apprendo con tristezza ed orrore gli eventi in corso a Beirut”

Mika ha appreso dai media internazionali le notizie dal sui Libano. E che hanno reso necessaria l’evacuazione della città di Beirut. Il cantante ha scritto un lungo messaggio su Twitter, di sgomento e di vicinanza alla sua gente.

“Osservo con grande tristezza, ma anche inquietudine ed orrore le vicende in corso a Beirut. La tragedia che ha colpito questa città mi spezza il cuore. Non si conoscono con esattezza le dinamiche dell’incidente. Ma la mia sofferenza è atroce”.

Forti le parole del cantante che è nato proprio a Beirut. Lui stesso ha voluto ricordare nel tweet che esattamente un quattro anni fa si trovava proprio in Libano, a Baalbek, per un suo concerto.

–> Leggi anche Coronavirus, il bollettino del 5 agosto: gli aggiornamenti dalle Regioni

Mika

“Ho trascorso la giornata a guardare le foto di quella serata. Le immagini di stasera invece mi fanno venire i brividi”.

–> Leggi anche Scuola, Azzolina: “50mila assunzioni, ridurremo numero alunni per classe”