Il 30 luglio, un rover della NASA a sei ruote delle dimensioni di un SUV si imbarcherà nel suo viaggio verso Marte – l’inizio di una ricerca per decodificare i segreti del passato del Pianeta Rosso.

perseverance

Dotato di una serie di strumenti e di un sofisticato sistema di perforazione, il rover ha il compito di rispondere a una domanda che per secoli ha confuso gli scienziati: Marte ha mai ospitato la vita?

Il rover, chiamato Perseverance, è una delle missioni planetarie più ambiziose della NASA ad oggi. Non solo il robot è progettato per analizzare le rocce marziane alla ricerca di segni di vita passata, ma il rover nasconderà anche decine di campioni da lasciare da qualche parte sulla superficie marziana. Questi campioni resisteranno per il prossimo decennio su Marte, in attesa del giorno in cui un’altra navicella robotica arriverà, li raccoglierà e partirà. I campioni torneranno poi sul nostro pianeta, dove gli scienziati impazienti saranno in attesa di riceverli.

Leggi anche -> SpaceX, gli astronauti NASA in ritorno dalla Stazione Spaziale Internazionale

Fa tutto parte di un’operazione erculea nota come Mars Sample Return. L’obiettivo è quello di riportare sulla Terra pezzi di materiale marziano incontaminato, dove potremo studiarli in laboratori sofisticati. “Se si vuole confermare che la vita esiste al di là della Terra, non si può fare con uno strumento qualsiasi“, dice a The Verge Kenneth Farley, project scientist di Perseverance e professore al California Institute of Technology. “Bisogna davvero portare dei campioni in laboratorio”.

perseverance marte

Perseverance è solo il primo passo – estremamente complicato – nel processo di riconsegna dei campioni. Se avrà successo, Perseverance confezionerà ordinatamente decine di campioni della superficie marziana che un giorno potrebbero vedere la Terra. Potrebbero dirci se la vita è esistita su Marte o se è sempre stato un pianeta arido. Questa è davvero un’opportunità unica – davvero una volta nella vita – di ottenere campioni da una località nota su Marte”, ha dichiarato Tanja Bosak, una professoressa di geobiologia del MIT che è una scienziata partecipante alla missione.

Leggi anche -> NASA, astronauti e dipendenti testeranno i viaggi commerciali nello spazio