Decapitata la Giunta comunale di Santa Catarina Villarmosa: ai domiciliari il sindaco, il vicesindaco e l’assessore allo Sport

Caltanissetta, ai domiciliari il sindaco di Santa Caterina Villarmosa

Tratti in arresto e ristretti ai domiciliari il sindaco, il vice sindaco e l’ assessore allo Sport di Santa Caterina Villarmosa. L’operazione congiunta di Carabinieri e Guardia di Finanza nel Comune di Santa Caterina Villarmosa, in provincia di Caltanissetta, ha consentito anche di eseguire misure interdittive e sospensive nei confronti di altre 13 persone, tra le quali imprenditori, dirigenti pubblici e professionisti, coinvolte nell’inchiesta, nome in codice “Cerbero“, della Procura Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica del capoluogo nisseno. Ai destinatari di tali misure cautelari vengono contestati, a vario titolo, i reati di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di reati contro la Pubblica Amministrazione, concussione, corruzione, turbata libertà degli incanti, falso ideologico e abuso d’ufficio.

LEGGI ANCHE –> Speranza: “Divieto d’ingresso per chi arriva da 13 Paesi a rischio”

Caltanissetta, ai domiciliari il sindaco si Santa Caterina Villarmosa. Gestione familistica del Comune

Le indagini hanno portato alla luce un consolidato “sistema concussivo-corruttivo” al cui vertice si poneva il sindaco, Antonino Fiaccato, che era coadiuvato da fidati collaboratori e da componenti della Giunta Comunale in carica tra cui il vice sindaco Agatino Macaluso, l’assessore Giuseppe Natale e Calogero Rizza, ritenuto l’interfaccia tra la componente politica e gli imprenditori. Il  meccanismo utilizzato è risultato essere quello del conferimento degli appalti mediante l’affidamento diretto/fiduciario, c.d. “sotto soglia”, in alcuni casi anche frazionando artificiosamente i lavori da affidare. E’ emersa, come riferisce l’edizione on line del quotidiano “La Sicilia”, una gestione familistica dell’intero Comune sotto la regia del Fiaccato che, suo piacimento, distribuiva benefit e prebende agli “amici”, non esitando, al contrario, a minacciare velatamente o esplicitamente quei funzionari che non si fossero piegati al suo volere.

LEGGI ANCHE –> Johnny Depp in tribunale, inquietanti messaggi tra lui e la star Paul Bettany