Fase 3: arriva l’ulteriore passo in avanti verso la normalità comunicato dal governatore della Liguria Giovanni Toti

Fase 3

Fase 3: un ulteriore passo in avanti verso la normalità è stato comunicato dal governatore della Regione Lombardia Giovanni Toti. Che è anche vicepresidente della Conferenza delle Regioni. Tutti i tasselli tornano al loro posto dopo il terribile lockdown.

Con le riaperture di tutti i settori, compreso le discoteche, cadono ulteriori limitazioni per barbieri e bar. Si potrà infatti leggere riviste all’interno dei locali per il taglio dei capelli. Ma si potrà giocare a carte nei centri per gli anziani e nei bar.

Sono queste le principali misure prese dalla Conferenza delle Regioni sulle linee guida per le riaperture in questa delicata e fondamentale fase. Un passo in avanti, dunque, che in tanti aspettavano.

Con la consapevolezza che non si dovrà mai abbassare la guardia perché dei comportamenti sbagliati potrebbero mettere a repentaglio tutto il lavoro che è stato svolto in questi mesi.

–> Leggi anche Coronavirus, rapporto Istat-Iss: sono quasi 33mila i morti a fine maggio

Per giocare a carte si deve indossare la mascherina e ci dovrà essere la distanza tra i giocatori con igiene mani

Fase 3: per il gioco delle carte però ci sono delle regole importanti da rispettare. Innanzitutto si dovranno igienizzare costantemente le mani, ed evitare comunque di portarsele alla bocca e agli occhi.

Poi la distanza di sicurezza tra giocatori dovrà sempre essere rispettata, così come fondamentale sarà indossare la mascherina che risulterà di massima importanza. La situazione nel paese è abbastanza tranquilla.

Con i casi di focolai che preoccupano ma che rimangono circoscritti a delle zone precise del paese. Grande soddisfazione per Toti, che conferma la volontà di portare avanti l’ennesimo tassello verso la piena normalità del paese.

–> Leggi anche Coronavirus: il bollettino del 9 luglio: i dati aggiornati dalle Regioni

Fase 3

Passo in avanti che c’è stato e che va registrato con positività in questo mese di luglio che si spera possa portare alla fine definitiva dell’emergenza.

–> Leggi anche Coronavirus: positivo in treno con tosse e febbre, allarme per i passeggeri