“Il coronavirus non sarà l’ultima pandemia nel mondo: ce ne saranno ancora altre” avverte l’Onu

Coronavirus

Il coronavirus non sarà l’ultima pandemia che sconvolgerà il mondo. Purtroppo le previsioni per il futuro a livello globale non sono affatto positive. E se non si comincerà a cambiare rotta e stili di vita, avendo rispetto per l’ambiente, le cose peggioreranno ancora.

E’ questo in sintesi l’allarme che lancia l’Onu. Tramite l’Unep, l’agenzia per l’ambiente delle Nazioni Unite, è stato elaborato un interessante rapporto sulle pandemie. Ed emerge che SARS-CoV-2 potrebbe non essere l’ultimo virus a creare problemi nel mondo.

Tutto dipenderà dal rispetto dell’ambiente e della natura. Dal rapporto si evince che il 60% delle infezioni hanno origine animale. E che il 75% delle malattie infettive arrivano dopo il salto di specie animale uomo.

Oltre all’aspetto sanitario, con i ceti bassi che vengono sempre più colpiti dalle pandemie, c’è da analizzare anche l’aspetto economico per i paesi colpiti che è devastante.

–> Leggi anche Coronavirus, l’Oms: “Picco non ancora raggiunto, la pandemia accelera”

I virus sono la causa di 2 miliardi di vittime nel mondo, con danni per cento miliardi di dollari

Coronavirus: aspetto sanitario ed economico che vanno di pari passo nelle pandemie. E che rappresentano delle gravi criticità per i paesi colpiti. Solo il Covid-19 procurerà danni economici per 9mila miliardi in pochi anni. Oltre alle tante vittime già arrivate.

Per gli altri virus si calcola che si arriva a due miliardi di vittime nel mondo, con oltre cento miliardi di danni. Serve un cambiamento di rotta repentino. E l’Onu lancia l’appello agli stati. Per fare in modo di correggere le cattive abitudini avute ad oggi.

Le cause principali che portano alla comparsa di virus sono tante. Si va dai cambiamenti climatici e dall’inquinamento fino all’eccessiva urbanizzazione ed invasione degli spazi. Ma anche gli allevamenti intensivi e la maggiore richiesta di proteine animali.

–> Leggi anche Coronavirus, il bollettino del 7 luglio: i dati aggiornati dalle Regioni

Coronavirus

Altri aspetti critici sono l’invasione massiccia di spazi sottratti alla fauna selvatica e i viaggi che aumentano i rischi di diffusione dei virus tra i vari paesi.

–> Leggi anche Coronavirus: sono già 21 i positivi tra i passeggeri del volo Dacca-Roma!