Matrimoni salvi. Arriva il chiarimento della CEI, Conferenza Episcopale Italiana: “Via le mascherine per gli sposi, obbligo della distanza per il sacerdote”

Matrimoni, Cei: "Gli sposi potranno baciarsi sull'altare"
Matrimoni, Cei: “Gli sposi potranno baciarsi sull’altare”

Da pochi giorni, per la precisione una settimana, è entrata l’estate, periodo durante il quale per tradizione le coppie decidono di formalizzare la loro unione, sull’altare o davanti ad un pubblico ufficiale, convolando a nozze. Eppure il momento clou, quello più atteso dai nubendi e dagli invitati, il bacio dopo le reciproche promesse d’amore e di assistenza nella buona e cattiva sorte, del “giorno più bello” per antonomasia rischiava di essere rovinato dalle norme anti-covid come il distanziamento sociale e soprattutto l’utilizzo della mascherina. Dormano pure sonni tranquilli: il pericolo è scongiurato.  I futuri sposi potranno baciarsi sull’altare senza mascherine. Cade, infatti, l’obbligo per i futuri coniugi di indossare la mascherina al momento della celebrazione. Per il sacerdote invece resta l’indicazione di proteggere le vie respiratorie e di mantenere la distanza di almeno un metro dagli sposi. Lo ha reso noto la CEI, la Conferenza Episcopale Italiana, rispondendo ad un quesito sulla questione posta dagli stessi Vescovi al Ministero dell’Interno.

LEGGI ANCHE –> Aurora Ramazzotti e l’estate: “Inizia quella dei diversamente abbronzati”

Matrimoni, CEI: “Via le mascherine per gli sposi”. Aerei, vietato l’uso delle cappelliere

L’epilogo di ogni matrimonio che si rispetti, al termine del sontuoso banchetto nuziale, è il viaggio di nozze, la luna di miele da godersi, è ormai prassi, in un resort di qualche località esotica. Anche se il più grande poeta tedesco, Johann Wolfgang von Goethe, consigliava di portare sempre con sé in viaggio due capienti valigie, una per custodire ciò che si dona, l’altra per ciò che si riceve, in tempi di coronavirus è obbligatorio ridurre al minimo il set di borsoni e trolley. Il Ministero della Salute, infatti, ha diffuso a tutte le compagnie aeree, tramite Enac, una nota con cui si vieta l’uso delle cappelliere a bordo dei voli di linea. “Ai passeggeri -si legge nella nota- è consentito portare a bordo solo bagagli di dimensioni tali da essere posizionati sotto il sedile di fronte al posto assegnato. Per ragioni sanitarie non è consentito a nessun titolo l’utilizzo delle cappelliere”. Trolley, dunque, in stiva per tutti i voli, compresi quelli intercontinentali.

LEGGI ANCHE –> Flavio Insinna in forte imbarazzo in diretta: “Non leggo per pudore”