Coronavirus: le parole di Ranieri Guerra gettano acqua sul fuoco sugli entusiasmi per la scomparsa del virus

Coronavirus

Coronavirus: Ranieri Guerra, direttore aggiunto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per le Iniziative strategiche, spegne i facili entusiasmi. E getta acqua sul fuoco sulle euforie generate da una possibile scomparsa del virus.

Dall’OMS la doccia fredda. Quella che conferma tutte le paure dei cittadini italiani e del mondo. Che si sentono poco rassicurati sulla possibilità di una seconda ondata. Ranieri Guerra parla chiaro: il virus circola ancora. E il suo genoma non è cambiato.

Questo vuol dire che è solo l’estate che lo sta attenuando. E che ci dovremo aspettare un nuovo arrivo, probabilmente anche più pericoloso e netto di quello terminato in Italia. In pratica, la temuta seconda fase che spaventa milioni di italiani.

Ovviamente la sua convinzione cozza con quelle di altri noti scienziati e professori. Che si sono espressi con pareri nettamente differenti. Parlando di fine della crisi e di morte clinica del virus.

–> Leggi anche Silvia Provvedi in foto con Nicole, ma è sconvolta per l’arresto di Giorgio

Per Ranieri Guerra il Covid-19 potrebbe ripercorrere le tappe della spagnola: via in estate, ritorno in autunno!

Coronavirus: per il direttore aggiunto dell’OMS c’è poco da esultare. Perchè è solo l’estate che ha attenuato il virus. E che ha permesso di far svuotare le terapie intensive. Ma secondo Ranieri questo virus si sta comportando esattamente come quello della Spagnola.

Che tornò in una seconda fase con molta più violenza rispetto alla prima. E lo fece dopo una tregua in estate. Quindi quello del virus per il direttore dell’OMS sarebbe fino ad oggi un percorso ampiamente preventivato.

–> Leggi anche Riapertura scuole, in arrivo linee guida per settembre | Cosa attendersi

Coronavirus

Il primo passo per combattere la seconda ondata per Ranieri Guerra è quello della vaccinazione per tutti gli italiani contro l’influenza. Una campagna per tutti.

–> Leggi anche Tutti contro Novak Djokovic: “Ha giocato con la salute di molte persone”