Coronavirus: la mortalità inferiore delle donne rispetto agli uomini potrebbe essere data da un particolare ormone

Coronavirus

Coronavirus e mortalità: da inizio pandemia il dato rimarcato da medici ed esperti è stato quello della percentuale di letalità. Che resta inferiore nella donna rispetto all’uomo. All’inizio si poteva solo pensare a quale potesse essere la spiegazione.

Adesso è arrivata la conferma. Lo studio è americano. Ed è stato pubblicato da una nota rivista scientifica. Si tratta dell’american Obstetrics and Gynecology. Giornale che ovviamente si occupa di questioni legate alla salute delle donne.

La ricerca prende come riferimento i dati sulla malattia. L’infezione che sta causando morti e contagi in tutto il mondo. Con un interessamento particolare proprio per gli Usa, che stano pagando un prezzo altissimo nella pandemia.

Sin dai primi mesi dell’emergenza da Covid-19 c’è stato un dato nettamente a sfavore della popolazione maschile. Dato che riguarda la mortalità.

–> Leggi anche Coronavirus: il bollettino del 4 giugno: i dati aggiornati dalle regioni

Gli estrogeni sono ormoni femminili. Dallo studio si evince che proteggono non dal contagio ma dai rischi di morte

Coronavirus e vantaggi delle donne rispetto gli uomini. Non sul contagio ma sulla mortalità. Sin dall’inizio della pandemia il rapporto è stato sempre a favore del gentil sesso. Che pare subisca meno complicazioni.

Il contagio è uguale, non ci sono differenze tra sessi. Ma se si guarda poi alle mortalità si capisce che soprattutto in età avanzata sono gli uomini a pagare un prezzo molto alto in mortalità.

La ricerca americana ha scoperto la causa di questa sorta di immunità maggiore delle donne rispetto agli uomini. Che è da ricercare negli ormoni estrogeni. Che sono esclusivamente femminili. E che sembrano proteggere in modo naturale il gentil sesso.

Una notizia che arriva in Italia in un periodo abbastanza tranquillo. Dove si assiste ad un calo di contagi e di decessi.

–> Leggi anche Coronavirus: quali rischi ci sono in spiaggia? Le raccomandazioni dall’ISS

Coronavirus

Ma dove non si può e non si deve abbassare la guardia di fronte a quella che potrebbe essere una fase finale dell’epidemia.

–> Leggi anche Coronavirus, Arcuri: “Al 31/12 un terzo degli italiani avrà fatto tampone”