Truffe online: l’avvertimento della Polizia Postale a non aprire certi messaggi o mail che svuotano i conti

Truffe

Truffe online che continuano a danneggiare centinaia di utenti in tutta Italia. Con lo stratagemma attuato dagli hacker che è sempre lo stesso. Quello del messaggio o della mail che invita ad inserire dei dati sensibili per svuotare i conti dei malcapitati.

Si chiamano messaggi phishing che si ricevono nella casella mail e in generale la truffa viene compiuta online. O smishing quando il messaggio viene ricevuto per sms. Insomma, bisogna stare attenzione a tutti i messaggi che si ricevono con lo stesso contenuto.

Tutti i sistemi invitano ad inserire dei dati personali di carte o conti correnti. Si indirizza su un sito civetta o una pagina dal cellulare. Ma non si tratta del proprio istituto di credito che ovviamente non è al corrente della truffa.

La Polizia Postale ha scritto un messaggio su Facebook invitando tutti gli utenti a fare attenzione ai messaggi  che si ricevono.

–> Leggi anche Fase 2, oggi riaprono le piscine e le palestre

La Polizia Postale invita tutti gli utenti a prestare massima attenzione a questi messaggi e a cancellarli senza aprirli

Truffe online che sempre più spesso si verificano sul nostro territorio. Con persone che cadono nella trappola degli hacker e che molto spesso vedono svuotati i loro conti o le loro carte. Con la difficoltà poi di arrivare ai responsabili.

Che molto spesso non agiscono nemmeno dall’Italia. Con siti civetta e il falso avviso degli istituti bancari che nulla hanno a che vedere con la truffa, gli utenti vengono veicolati su dei siti dove si chiede di inserire dei dati personali di conti o carte.

Non inserire mai i propri dati personali e cancellare subito il messaggio! E’ questo l’avvertimento della Polizia Postale agli utenti. Perché le banche non chiedono mai online o per messaggio di effettuare delle operazioni.

–> Leggi anche Coronavirus, Italia: solo 50 morti e 531 casi di positività

Truffe

Molto spesso questi messaggi sono scritti anche in un italiano molto scadente. Mai fidarsi di qualsiasi messaggio che invita a compiere delle operazioni online.

–> Leggi anche Scuola, le ipotesi allo studio del Governo per il rientro in classe a settembre