Con 1260 morti nelle ultime 24 ore gli Stati Uniti sono prossimi a sfondare il tetto dei 100 mila decessi per coronavirus: ad oggi 96 mila le vittime

Covid, 96 mila decessi negli Usa
Covid-19, 96 mila decessi negli Usa

Negli Stati Uniti il numero dei morti, secondo l’ultimo report della Johns Hopkins University, è salito a quota 96.001 mentre quello dei contagi a 1 mln e 601.251, oltre 25 mila unità in più rispetto a giovedì. Nelle ultime 24 ore sono morte altre 1.260 persone. Lo Stato di New York resta l’epicentro dell’epidemia nel Paese con 358.154 casi di contagio confermati e 28.853 morti, un dato simile a quella della Spagna. E le prospettive a medio termine non promettono un’inversione della curva epidemica: l’Institute of Health Metrics and Evaluation (Ihme) dell’Università di Washington stima che ai primi di agosto il bilancio sarà di 143.000 morti. Il secondo Paese più colpito al mondo dalla pandemia di covid-19. Nelle 24 ore si sono registrati altri 1.001 decessi che portano il totale a 21.048. I casi di contagio sono 330.890. L’Organizzazione Mondiale della Sanità considera ormai l’America Latina il “nuovo focolaio della pandemia“. Il numero dei contagiati è pari infatti a 672.770 mentre quello dei decessi a 37.021. Dopo il Brasile, il Paese latinoamericano più colpito è il Perù con 111.698 casi di contagio accertati.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, Toti: “In Liguria virus presente molto prima di Codogno”

Covid, 96 mila morti negli Usa. Il colosso dell’autonoleggio Hertz dichiara bancarotta

Il colosso mondiale dell’autonoleggio Hertz, che navigava in cattive acque in conseguenza del prolungato stop causato dall‘epidemia di coronavirus, ha presentato istanza di fallimento in Usa e Canada. Lo ha reso noto la stessa società con una nota. “L’impatto di covid-19 sulla domanda di spostamento è stato improvviso e drammatico, con un brusco calo delle entrate e delle prenotazioni future“, si legge nel comunicato diramato. Il 21 aprile Hertz ha tagliato 10.000 posti di lavoro in Nordamerica, cioè il 26,3% della propria forza lavoro globale, per tentare di preservare liquidità in vista delle incertezze dovute al virus.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus e inquinamento: con il lockdown emissioni ridotte fino al 75%