Coronavirus: dall’ISS la notizia che il virus può rimanere sulle mascherine per un periodo superiore a 24 ore

Coronavirus

Coronavirus: il rapporto dell’Istituto Superiore di Sanità porta alla luce novità importanti sull’utilizzo della mascherina. Nelle raccomandazioni rivolte ai cittadini sui comportamenti giusti da avere, l’Iss espone anche i dati di una ricerca che riguarda lo strumento protettivo.

Nello studio si può notare una tabella che riguarda la durata che può avere il virus adattato sulle varie superfici. Sappiamo che l’umidità ed il freddo favoriscono per più tempo l’adattamento del virus. Ma con il caldo la situazione potrebbe migliorare sensibilmente.

Con il virus che non riesce a sopravvivere per molte ore sia sulle superfici che con le famose goccioline che fuoriescono dalla bocca degli infetti in caso di starnuti colpi di tosse ma anche quando si parla ad alta voce.

In questa fase 2 si dovranno avere ancora tante precauzioni. E non abbassare la guardia. Questo il monito dell’ISS.

–> Leggi anche Coronavirus, l’infermiere guarito: “Cosa significa stare un mese intubato” 

Non bisogna poggiare le mascherine lavabili sulle superfici dopo averle utilizzate e prima di lavarle

Coronavirus e mascherine. In tutte le regioni vige l’obbligo di indossare la mascherina e di mantenere le distanze di sicurezza vietando così gli assembramenti anche in spazi aperti. Almeno fino a quando non si avrà nelle regioni la sicurezza che il virus sia scomparso non si dovranno perdere queste misure di sicurezza.

Soprattutto per le mascherine si legge nella nota dell’ISS che bisogna stare attenti. Perché tracce di virus potrebbero rimanere all’interno dei tessuti anche per un giorno. E in particolari condizioni fino a 4 giorni.

Per questo motivo le mascherine si devono lavare appena si tolgono e non si devono assolutamente poggiare sulle superfici. Perché possono rappresentare un problema serio per l’ambiente, soprattutto quello al chiuso.

Non bisogna gettare guanti e mascherine a terra. Non solo per il rischio alla salute che rimane anche minimo.

–> Leggi anche Coronavirus: i pazienti anche dopo la guarigione mostrano seri problemi

Coronavirus

Quanto piuttosto per quello ambientale, con l’inciviltà che purtroppo emerge anche in questi frangenti di emergenza.

–>Leggi anche Coronavirus, bollettino Lombardia: 65 morti 319 positivi e 207 guariti