Coronavirus: la spesa degli italiani cambia in funzione dei rischi possibili di contagio. Si evitano prodotti al dettaglio

Coronavirus

Coronavirus che cambia le abitudini e i modi di vita degli italiani. Che in questi mesi sono stati costretti a modificare molte attività a causa di restrizioni e lockdown. Una di queste abitudini è quella della spesa.

Dopo gli assalti ai supermercati che sono stati difficili da giustificare, la situazione sembra adesso essere tranquilla. Con le persone che hanno modificato parecchio le abitudini alimentari. In una prima fase della quarantena alcuni prodotti erano introvabili.

La gente, approfittando delle ore da trascorrere in casa si è data all’hobby della cucina, con pizza e pane che sono risultati i prodotti più gettonati. Ma la situazione è andata ben presto evolvendosi.

Anche la spesa ha subito dei profondi cambiamenti, e si è preferito andare verso direzioni che appaiono meno rischiose. Come per esempio può essere il confezionato invece che il prodotto sfuso.

–> Leggi anche Coronavirus, in Lombardia risalgono i contagi: 462 nelle ultime 24 ore

Gli italiani preferiscono sempre più gli imballati in carta e cartone al fresco. E aumentano gli acquisti online

Coronavirus: secondo i dati forniti dal Comieco (Consorzio nazionale recupero imballaggi) i dati portano a direzioni univoche. Che indicano come si tende a scartare il fresco o lo sfuso per paura di contagi. Questo fenomeno sta portando il mercato in direzioni ben precise.

La fiducia nella carta e nel cartone è aumentata. Tanto che le persone sembrano andare esclusivamente su questa direzione. Su un campione di 1000 persone il 33% fa questa scelta. Addirittura il 46% del totale ha cambiato idea passando a preferire i confezionati a pandemia cominciata.

Salgono in modo esponenziale gli acquisti online, non solo di alimenti ma anche di altri prodotti. Da vestiti a generi per la casa. Due milioni gli utenti in più che in questa quarantena hanno preferito questo strumento.

–> Leggi anche Coronavirus e palestre: attenzione all’esercizio fisico, aumenta i rischi

Coronavirus

Anche la fiducia verso la raccolta differenziata è aumentata. La quarantena ha aumentato la responsabilità delle persone che sembrano abbastanza accorte nello smaltimento dei rifiuti.

–> Leggi anche Coronavirus, dalla Cina “Possiamo fermare l’epidemia senza il vaccino”