Coronavirus: gruppo di ricercatori cinesi pensa di fermare la pandemia con una terapia efficace contro il virus

Coronavirus

Coronavirus e terapie efficaci per fermare la pandemia. Continua senza sosta la corsa contro il tempo da parte di ricercatori e scienziati. Si tenta di mettere a punto un vaccino efficace o un farmaco o terapie importanti.

In Italia si va avanti con la sperimentazione di farmaci ma dallo Spallanzani di Roma si cerca di arrivare in tempi brevi al vaccino. In ogni caso il miglioramento della situazione dei contagi degli ultimi mesi sta portando all’ottimismo.

Con la ricerca che continua con una maggiore tranquillità considerando che le terapie intensive non rischiano il collasso come invece si temeva qualche settimana fa. Non si deve abbassare la guardia, ma è evidente che gli scenari al momento sono migliori.

L’Italia l’Europa e gli Usa si attrezzano, ma invece potrebbero essere gli scienziati cinesi i primi ad arrivare ad una cura efficace. Con una svolta che sarebbe vicina.

–> Leggi anche Coronavirus e infarto: una ricerca italiana mostra legami pericolosi

I ricercatori dell’Università di Pechino pensano che la loro terapia possa essere disponibile dal mese di dicembre

Coronavirus e terapia dalla Cina. Non ci sarebbe da stupire se proprio dal paese che ha scatenato la pandemia arrivasse anche una cura. Si sa che gli scienziati cinesi stanno lavorando da mesi ad una possibile soluzione a quanto hanno scatenato.

Lavorano con celerità per arrivar a dei risultati. E gli scienziati dell’Università di Pechino confermano di aver trovato una terapia che riesce non solo a curare la malattia. Ma anche a prevenire gli effetti catastrofici che arrivano dal contagio.

Il trattamento AFP avrebbe dato già risultati importanti sui topi. Dopo 5 giorni si riesce ad abbassare di parecchio la carica virale, riducendo al massimo i rischi dalla malattia. Il farmaco continuerà la sua fase di sperimentazione.

–> Leggi anche Cosa succede se usiamo male la mascherina | I rischi che corriamo

Coronavirus

Ma ci vorranno ancora dei mesi per poterlo avere a disposizione. Si parla di fine 2020, e presumibilmente si dovrà aspettare fino a dicembre prossimo.

–> Leggi anche Cinema, l’animazione per superare le restrizioni anti-covid