Nel comune di Nardò, in provincia di Lecce, il sindaco del comune ha disposto l’ordinanza contro coloro che gettano mascherine e guanti per strada dell’ammontare di 450 euro.

mascherine

Pippi Melone, il sindaco di Nardò, ha definito “sporcaccioni” tutti quelli che nei scorsi giorni hanno riversato sulle strade della cittadina centinaia di dispositivi di sicurezza al di fuori di supermercati e negozi di ogni tipo. “Un problema non solo dal punto di vista della pulizia e del decoro – spiega l’assessore all’Ambiente Mino Natalizio – ma teoricamente anche un rischio per la salute per un ipotetico contagio”.

Per tale motivo è stata commissionata l’ammenda che va dai 75 ad un massimo di 450 euro per chiunque abbandoni dispositivi di protezione sanitaria. Il provvedimento sindacale ricorda inoltre che smaltire correttamente i dispositivi di sicurezza utilizzati vanno gettati nelle modalità previste dai rifiuti indifferenziati, con particolare cura nel richiuderli in sacchetti di plastica ben chiusi, come suggerisce tra l’altro l’Istituto Superiore di Sanità.

Per incentivare il corretto smaltimento di tali dispositivi, il Comune ha installato ulteriori cestini per la raccolta indifferenziata in tutta la città.