Google ed Apple stringono un’alleanza per supportate le autorità sanitarie nel contrasto al coronavirus. Negli Usa record di morti: 2100 in un giorno

Google ed Apple alleate per il tracciamento del contagio
Google ed Apple alleate per il tracciamento del contagio

Scendono in campo i due giganti statunitensi dell’high tech, Google ed Apple, per offrire supporto tecnologico alle autorità sanitarie nella battaglia per debellare il “silenzioso killer cinese”. Le due multinazionali hanno annunciato, con un comunicato congiunto, il raggiungimento di un accordo per rendere operativa una piattaforma di tracciamento su tecnologia Bluetooth garantendo “privacy, trasparenza e consenso”. Come ha precisato Tim Cook, ceo di Apple, con un post su twitter: “Visto che il Covid-19 può essere trasmesso attraverso la prossimità degli individui, i responsabili della salute pubblica hanno identificato nel tracciamento uno strumento utile per contenere l’epidemia. Autorità sanitarie, università e associazioni non governative stanno svolgendo nel mondo un importante lavoro per sviluppare un sistema di tracciamento tecnologico. Per dare una mano, Apple e Google lanceranno una soluzione che preveda l’applicazione di interfacce Apls e un sistema operativo che renda possibile tracciare i contatti mantenendo una forte protezione della privacy dell’utente“. L’obiettivo è quello di rilasciare una prima versione del sistema, compatibile con i sistemi  Android e iOS, utilizzando le app delle autorità sanitarie pubbliche entro maggio.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus Bergamo: addio straziante a tutta la famiglia Ravasio

Coronavirus, Google ed Apple alleate contro il virus cinese. Record di morti in Usa: 2100 in un giorno

Una mano tesa dai due giganti dell’high tech dal momento che paradossalmente è proprio negli Usa, prima economia del mondo ma anche Paese dalle profonde contraddizioni, con una rete di istituti di ricerca medica all’avanguardia che fa da contraltare all’assenza di un sistema sanitario pubblico, che l’emergenza epidemiologica da coronavirus sembra essere davvero fuori controllo. I morti per coronavirus, infatti, negli Stati Uniti nelle ultime 24 ore sono aumentati raggiungendo la quota record di 2.100. E’ quanto emerge dai dati della Johns Hopkins University che ha stimato in oltre 500 mila i casi di contagio negli Usa per un totale di 18.586 morti a fronte dei 18.849 decessi in Italia. Nella sola città di New York si registrano altri 6.684 casi di coronavirus e 651 morti: in totale nella “Grande mela” sono stati registrati 94.409 casi mentre i decessi sono 5.429.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus New York: l’orrore delle fosse comuni per seppellire i morti