Oggi c’è stata l’audizione in Senato, ed ha parlato la Ministra Azzolina dichiarando plausibile l’ipotesi che non si torni a scuola, vediamo meglio insieme.

Coronavirus: Ministra Azzolina "ipotesi che non si torni a scuola plausibile"
Coronavirus: Ministra Azzolina “ipotesi che non si torni a scuola plausibile”

Poche ore fà, durante l’audizione in Senato, ha parlato la Ministra Azzolina, ed ha dichiarato che l’ipotesi che non si torni a scuola è plausibile.

Vediamo meglio insieme che cosa ha detto.

Coronavirus: Ministra Azzolina “ipotesi che non si torni a scuola plausibile”

Nelle prime ore del pomeriggio la Ministra Azzolina ha riferito in Senato, dichiarando se si tornerà a scuola solamente, se e quando, gli esperti indicheranno che le condizioni saranno favorevoli.

Quindi stà diventando una possibilità ufficiale che non si torni in aula per riprendere le attività didattiche.

LEGGI ANCHE —-> FONTANA: RITORNANO AD AUMENTARE I CONTAGI IN LOMBARDIA 2.500 IN SOLE 24 ORE

Ha continuato dicendo che le video-lezioni sono una scelta obbligatoria, ed al momento non ci sono alternative.

Parlando della Maturità ha dichiarato che è orientata a prevedere “sei commissari interni con un presidente di commissione esterno”

LEGGI ANCHE —-> CORONAVIRUS IN ITALIA, L’AIFA: “BISOGNA STARE A CASA ALTRE 2-3 SETTIMANE”

Ha proseguito poi la Minista Azzolina, citando “La peste” di Boccaccio dicendo che l’emergenza scolastica è globale, perché sono interessati circa 1.4 miliardi di alunni, una sfida che non ha alcun tipo di precedenti.

Coronavirus: Ministra Azzolina "ipotesi che non si torni a scuola plausibile"

Ha confermato, che l’anno scolastico è comunque salvo per tutti, ed in deroga al limite dei 200 giorni ha dichiarato che stanno lavorando una nuova ridefinizione, e per quanto riguarda gli esami di Stato per la scuola media e superiore ha aggiunto che terranno conto degli sviluppi dell’apprendimento, senza entrare e specificare altri dettagli

Attendiamo quindi, gli ulteriori sviluppi, e le novità per un anno scolastico davvero particolare, a causa della pandemia per Coronavirus.