Il racconto di un paziente affetta da Coronavirus che ce l’ha fatta. “sono stato malissimo pensavo di non farcela”. Ma vediamo insieme.

Coronavirus, il racconto del paziente che è riuscito a guarire
il paziente ha cambiato 3 ospedali

Un paziente che risiede nella Val Camonica è riuscito a guarire dal Coronavirus. E ci racconta di come è stato curato e quali effetti ha avuto su di sé tale cura.

LEGGI ANCHE—>CORONAVIRUS, ANCORA NESSUN CASO DI CONTAGIO INTERNO IN CINA. DICHIARATO LO STATO DI CALAMITA’ PER NEW YORK
“Ho perso 10 chili in 10 giorni e ci sono stati attimi tremendi in cui non riuscivo nemmeno ad alzarmi dal letto, ma ce l’ho fatta. Sicuramente, il mio fisico da sportivo mi ha aiutato, così come il sostegno di amici e parenti: i loro messaggi, le loro chiamate mi hanno dato la forza nei momenti più difficili”.

Tutto inizia il 28 febbraio quando ha scoperto di essere positivo al Coronavirus  ”Avevo una polmonite bilaterale interstiziale: mi sono spaventato tantissimo e ho temuto di non farcela”.

Inizia così il suo calvario. “Appena dopo il ricovero a Mantova, i dottori mi dissero che da un secondo all’altro avrei anche potuto smettere di respirare. Per fortuna non ho avuto bisogno del respiratore, ma la paura era davvero tanta e mi sento miracolato”.

Il paziente è stato dimesso e può tornare dalla sua famiglia

I medici purtroppo no sapevano cosa fare “i medici non sapevano cosa fare e procedevano a tentativi: sono stato curato con degli antivirali usati per l’Aids e l’Aviaria. Una terapia farmacologica che, mi hanno spiegato, era del tutto sperimentale.

LEGGI ANCHE—>CORONAVIRUS, LA SPERANZA DELLA RICERCA DI BUDAPEST: “ECCO QUANDO FINIRA'”

Con il senno del poi, mi sento di dire che abbia funzionato, anche se gli effetti collaterali erano davvero devastanti. I primi due giorni sono stato malissimo: avevo continui giramenti di capo, una forte diarrea e rimettevo spesso”.

Lui è stato uno dei primi a risultare positivo al Coronavirus. Mentre era in ospedale giunsero altri pazienti “alcuni di loro non ce l’hanno fatta, altri sono stati dimessi”.

Ha trascorso 10 giorni in 3 ospedali diversi. Dopo è stato dimesso anche lui ed è potuto tornare dai figli e dalla moglie. Rimarrà in quarantena fino a quando il tampone non risulterà negativo.

Coronavirus, il racconto del paziente che è riuscito a guarire
il paziente sta meglio

“Questa bruttissima esperienza mi ha insegnato ad apprezzare le piccole cose: come aiutare i miei figli e fare i compiti, guardare il paesaggio fuori dalla finestra e ammirare la luce del sole”.