Antonio Cassano nei guai: la Cassazione gli impone il pagamento all’Agenzia delle Entrate dei 263mila euro

Antonio Cassano

Antonio Cassano finisce nei guai con il Fisco. L’ex attaccante della nazionale di calcio riesce sempre a far parlare di sé anche nel momento del suo ritiro dal mondo del calcio. Per lui, come per l’amico Mario Balotelli, ci sono spesso guai che non riguardano la vita del campo.

Super Mario continua a giocare nel Brescia e a far ‘rumore’ sia quando gioca che nella sua vita privata. Cassano che da poco ha appeso le scarpette al chiodo invece pare abbia risolto le sue grane. Ma gli rimane questa con le tasse non pagate.

Il periodo di riferimento è quello dei tempi della Roma. E del suo passaggio al Real Madrid di Fabio Capello. Annata 2006. Un passaggio che avrebbe dovuto sancire la definitiva consacrazione del talento di Bari Vecchia. E che invece rimane l’ennesimo rammarico per quel che poteva essere e non è stato.

–> Leggi anche Miriana Trevisan contro Serena Enardu: “Tenete fuori mio figlio Nicola”

Le tasse non pagate risalgono al 2006. Al passaggio dalla Roma al Real Madrid. Nessuno sconto dalla Cassazione

Antonio Cassano ha provato in tutti i modi di far valere le sue motivazioni, anche con l’appoggio del suo avvocato Pietro Litta. La cartella esattoriale è rimbalzata di anno in anno fino all’arrivo alla Cassazione.

Ma l’Agenzia delle Entrate si è rivelata osso duro e non ha mollato. Ha puntato il dito contro l’ex attaccante per tasse non pagate nel suo ultimo anno alla Roma. E la somma è sempre quella: 263mila euro.

Che a questo punto, con la pronuncia della Corte, dovranno essere sborsati da Fantantonio per evitare che ci siano per lui altre aggravanti. Anche se i primi due gradi di giudizio (Commissione Tributaria di Bari e Appello nel 2012), alla fine come detto l’ha spuntata l’Agenzia delle Entrate.

–> Leggi anche Coronavirus: tempi lunghi per il vaccino. Per l’Oms il nome è Covid-19

Antonio Cassano

Agenzia delle Entrate che non fa sconti a nessuno. E senza mollare di un centimetro, si è comportata allo stesso modo con il talento di Bari Vecchia. Che si dovrà rassegnare al pagamento della cartella esattoriale di 263.393 euro.

L’ennesima delusione per Cassano fuori dal campo. Sperando per lui che si tratti dell’ultima disavventura. Soprattutto di quelle con il Fisco.

–> Leggi anche Leggi strane dal mondo: “non ci si può baciare fuori dalla stazione”, ed è solo l’inizio