Potrebbe essere rimasto vittima di un pirata della strada il 58enne rinvenuto cadavere vicino al Ponte di Calatrava a Cosenza. Tuttavia gli inquirenti indagano in tutte le direzioni

Cosenza, si segue la pista del pirata della strada per il cadavere rinvenuto a Cosenza
Cosenza, si segue la pista del pirata della strada per il cadavere rinvenuto a Cosenza

Il corpo di un uomo senza vita, scomparso dalla sua abitazione di Cosenza venerdì scorso, è stato trovato nei pressi del ponte di Calatrava, nel quartiere Gergeri del capoluogo calabrese. L’ipotesi che fanno gli investigatori, visti alcuni segni sul corpo, è che il 58enne, Dino Mazzei, sarebbe stato investito da un’auto che, dopo averlo travolto, si è allontanata. Il corpo dell’uomo era dietro il guardrail dove sarebbe stato scaraventato a seguito dell’urto. Mazzei, come detto, era scomparso da venerdì sera: i suoi familiari, preoccupati per il suo mancato rientro a casa, ne avevano denunciato la scomparsa. Erano stati ascoltati gli amici, i parenti, tutte le persone che aveva incontrato venerdì ma nulla faceva pensare a un allontanamento volontario o, peggio, a un suicidio.

LEGGI ANCHE –> Sanremo: ecco quanto ha raccolto dalle pubblicità la Rai, una cifra impressionante

Cosenza, rinvenuto il cadavere di un 58enne. Nessuna ipotesi esclusa

L’ipotesi al momento più accreditata è che Mazzei sia rimasto vittima di un pirata della strada mentre ritornava a casa, ubicata nel centro storico di Cosenza, dal centro commerciale cui si era recato per alcune commissioni. E’ stata aperta, dunque, un’inchiesta ed il magistrato di turno ha disposto l’autopsia che, tra l’altro, dovrà accertare se la morte sia stata istantanea all’urto o se sia sopraggiunta in un secondo momento aggravando in tal modo la posizione del pirata qualora venisse identificato. Tuttavia gli inquirenti indagano a 360° non tralasciando di approfondire qualsiasi pista: una di quest’ultime si concentra sul fatto che Mazzei sarebbe stato vicino al collaboratore di giustizia Francesco Noblea. Nel frattempo gli inquirenti cercano riscontri in alcune testimonianze oltre ad aver già acquisito le immagini degli impianti di videosorveglianza stradale.

LEGGI ANCHE –> Cosenza: moglie e figlia costrette a prostituirsi. 53enne in manette