Il coronavirus è diventata un’epidemia che sta tenendo il mondo con il fiato sospeso: scopriamo quindi sintomi del virus cinese e rischi per l’Italia

Coronavirus virus cinese sintomi rischi Italia
Coronavirus virus cinese

Tecnicamente il Coronavirus cinese si chiama virus 2019-nCoV e si sta trasformando in una vera e propria epidemia. La sua diffusione ha infatti ormai superato i confini della Cina. Anche in Italia così sono molte le persone che si stanno preoccupando per il possibile arrivo di questa malattia anche nel nostro Paese. Ci si chiede infatti quali possano essere i sintomi e i rischi di contrarre questa patologia. Fino a questo momento sono 25 i morti accertati per via del coronavirus, mentre i contagi sono più di 600. Questi decessi sono avvenuti tutto a Wuhan, capoluogo della provincia di Hubei, città dove è scaturito il virus e in cui si è diffuso un contagio. Gli infettati ormai si segnalato negli Stati Uniti, a Singapore, in Vietnam, in Corea del Sud, in Brasile, in Thailandia e in Giappone.

LEGGI ANCHE —> Coronavirus: primo caso sospetto in Italia da una donna arrivata dalla Cina

LEGGI ANCHE —> Roma, coronavirus: aereo cinese dirottato a Canton

Coronavirus, i sintomi e i rischi per l’Italia per quanto riguarda il virus cinese

Coronavirus virus cinese sintomi rischi Italia
Coronavirus virus cinese

Passando invece ai sintomi del virus cinese, essi somigliano a quelli della polmonite. Potrebbero quindi verificarsi febbre alta, difficoltà a respirare, raffreddore e debolezza generale. Da non escludere inoltre vertigini e mal di testa. La trasmissione può avvenire sia per via aerea, sia per contatto. Il periodo di incubazione invece va da un minimo di due a un massimo di dieci giorni. Per quel che riguarda i rischi per l’Italia, la Farnesinaraccomanda di posticipare tutti i viaggi nell’area di Wuhan“. Secondo il virologo Guido Antonelli, professore ordinario all’Università La Sapienza di Roma, è possibile che il virus cinese “arrivi in Europa“. Il medico ha quindi aggiunto che è difficile limitare il coronavirus in quanto si tratta di “un virus a trasmissione aerea” e che “la situazione potrebbe essere molto preoccupante“.